• Tempo di lettura:3Minuti

Cassano ne ha per tutti e non perde occasione per far parlare di se: ora l’obiettivo è Luciano Moggi, dopo Ronaldo (dato per finito) e il Napoli dello scudetto, etichettato come “una massa di scappati di casa”. In realtà l’invettiva di Cassano alla Bobo TV arriva per un appunto fatto da Big Luciano su Twitter in merito alla polemica su Ronaldo:  «Caro Antonio, dici che sono 4 anni che Cristiano Ronaldo non ce la fa più? Mi permetto di suggerire la lettura della favola “la volpe e l’uva” e di fare tesoro della sua morale».

Il messaggio, arrivato bello e forte, ha incendiato Cassano che non ha usato la via della diplomazia e in diretta streaming ha attaccato Moggi senza mezzi termini: «Mi viene da ridere. Parto dal presupposto che Moggi mi ha rotto i c…i l’anno scorso per quattro, cinque volte, dicendomi: “Antò, fammi un favore, vieni alle trasmissioni che lui fa nelle tele che non so”. Ho detto: “Ascolta direttore, lascia stare”», la frizzante premessa dell’ex Roma, Inter e Milan. E ancora: «Caro Luciano, io nella mia vita non sono mai stato invidioso, di niente e di nessuno. Sono sempre stato felice, ho guadagnato, mi sono divertito. Non sono invidioso di Cristiano Ronaldo, dico il mio parere e lo continuo a dire, che da tre anni non ce la fa più e non sta in piedi».

E fin qui la replica è sul merito della questione ma, incalzato dagli amici Vieri, Ventola e Adani, l’ex giocatore ha rincarato la dose in un crescendo che è sfociato sul personale: «Hai fatto dei disastri negli ultimi 20 anni e devi stare zitto se parliamo di morale. Io quando vado in giro per il mondo posso farlo a testa alta, tu invece hai ridicolizzato i milioni di tifosi della squadra di cui facevi il dirigente (la Juventus, ndr), facendo dei disastri. Perché a livello giudiziario carta canta, hai fatto dei disastri. Io vado in giro a testa alta e non mi vergogno, tu abbassi la testa. Hai ridicolizzato il calcio italiano nel mondo intero e ti permetti di parlare ancora. Non parlare più di me, io posso andare in giro a testa alta, tu assolutamente no!».

L’ultima stoccata di Cassano è definitiva: «A distanza di 20 anni ho fatto bene a rifiutare la tua Juve per ben due volte. Se avessi avuto a che fare con te come dirigente dopo due minuti ti avrei attaccato al muro».

Poteva mancare la risposta di Moggi all’attacco? Certo che no ed infatti, ancora da Twitter, arriva puntuale la risposta dell’ex dirigente della Juventus: «La tua ignoranza spavalda e le tue cassanate mi divertono. Mi verrebbe da consigliarti di fare il cabarettista anziché l’opinionista sportivo. Quanto all’attaccarmi al muro come dici, meglio che ci provi con qualcun altro, con me sarebbe difficile»

Finita? Difficile, anche perché Moggi, abilissimo a gestire i media, ha tirato nella rete il personaggio che gli serviva per ritornare sulla bocca di tutti: sarà un caso se prima di Natale esce il suo nuovo “cofanetto” su calciopoli?

Seguici anche su Instagram!