Denzel Dumfries è un nuovo giocatore dell’Inter. Il terzino sostituirà Hakimi. Protagonista di un grande Europeo con l’Olanda, ecco il suo identikit.

Corsa e fisicità– Ciò che più impressiona di Dumfries è la stazza: è alto 1,89 metri e pesa poco più di 80 kg. Un terzino anomalo, di certo fisicamente diverso dalla media, ma che fa proprio del fisico il suo punto di forza. Inoltre, rilevante è la velocità. È uno dei giocatori più veloci del panorama europeo, con picchi che raggiungono i 33 km/h. Insomma, con la cessione di Hakimi l’Inter ha perso uno dei terzini più tecnici e scattanti al mondo. Ma ha preso un ottimo sostituto le cui qualità sono impressionanti.

La trattativa– Al PSV andranno 12,5 milioni di euro, più 2,5 di bonus. Il giocatore invece ha firmato un quadriennale da 2,5 milioni di euro a stagione. Scelta sia economica che di qualità, visti i 19 milioni di plusvalenza fatti con Hakimi. La cessione del marocchino copre perfettamente l’acquisto dell’olandese.

Olanda– Nell’ultima stagione ha messo a segno 2 gol e 6 assist in 30 partite giocate. Ottime statistiche per un terzino avvezzo a fare pure l’esterno di centrocampo in un 352 (modulo prediletto da Inzaghi). Non solo, Denzel è un connubio di attacco e difesa; col suo fisico è in grado di giocare sia da terzo difensore, sia da ala aggiunta, usando il fisico per segnare su cross. Grazie a ciò era pure diventato l’idolo dei tifosi, che più volte gli hanno omaggiato dei cori. Chissà che non sappia ripetersi pure a Milano.

Europeo– Ma è in quest’ultima edizione dell’Europeo, che Dumfries ha attirato l’attenzione su di sé. Grazie a prestazioni difensive eccellenti, e a 2 gol importanti per la vittoria, si è decisamente fatto notare. Se dovesse ripetere quanto di buono fatto con l’Olanda, l’Inter avrebbe trovato il degno successore di Hakimi.