david napoli

La scorsa settimana a Milano c’è stato un incontro tra Giovanni Manna, il futuro Direttore Sportivo del Napoli e l’entourage di Jonathan David, attaccante del Lille e della nazionale canadese. Il Napoli ha deciso di puntare su di lui dopo una prima parte di stagione un po’ incostante: nelle ultime nove partite ha segnato dieci gol, tornando in auge e attirando l’attenzione di tutti i top club. Il club partenopeo ritiene normale che abbia un periodo di flessione, soprattutto se si considera che in questa stagione ha segnato un totale di 23 gol.

Durante l’incontro, il principale argomento di discussione è stata la possibilità che David diventi il punto focale dell’attacco, seguendo le orme di Victor Osimhen, arrivato dal Lille nel 2020 e ora valutato 150 milioni di euro. A David piace l’idea di giocare in Serie A e ha chiesto un contratto quinquennale da 3 milioni di euro all’anno più bonus, una cifra molto inferiore rispetto agli oltre 10 milioni di euro che guadagna attualmente Osimhen. È fiducioso nel progetto, anche senza competizioni europee.

David, c’è distanza tra la richiesta del Lille e l’offerta del Napoli

L’unica sfida che gli resta da affrontare è quella di convincere il Lille, che inizialmente aveva chiesto un prezzo di 35-40 milioni di euro a gennaio, tenendo conto dell’inconsistente prima parte di stagione, ma che ora ha alzato il prezzo a circa 50 milioni di euro. De Laurentiis è intenzionato a offrire circa 35 milioni più bonus e in questo momento la distanza tra le parti di certo non è trascurabile.

E il Milan? Guarda con interesse, perché se la trattativa per Joshua Zirkzee non dovesse andare in porto, David tornerebbe in gioco. Il Napoli ha cercato di anticipare l’accordo con David, per evitare interferenze e cercare di negoziare il prezzo in anticipo rispetto alla concorrenza.