• Tempo di lettura:3Minuti

Alla fine la Juventus ha ufficializzato Maurizio Sarri, tecnico reputato come un piano alternativo dalla società bianconera. In tempi non sospetti abbiamo parlato di Sarri, appunto, come alternativa a Guardiola.

In ambienti finanziari è sempre circolato il nome di Guardiola e abbiamo avuto notizie sia del pre-contratto sia del grandissimo ottimismo in casa Juve. Juve che ha fatto di tutto e di più, poi la palla è passata al City e allo stesso tecnico catalano.

I video e le interviste avevano uno scopo ben preciso, con un atteggiamento difensivo di entrambe le parti. Alla fine nessuno ha voluto forzare la mano.

Siamo stati sempre ottimisti sull’approdo di Guardiola alla Juventus, pur non avendo mai dato alcuna certezza in nessuno dei nostri articoli. In uno degli ultimi articoli di aggiornamento, abbiamo fatto riferimento a Sarri come principale alternativa.
L’accordo con Sarri non c’è stato a maggio, ma l’incontro più importante è avvenuto 13 giorni fa.
I contatti sono iniziati a febbraio, ma il tecnico non diede feedback. Le cose sono cambiate nell’ultimo periodo.

Da qualche giorno avevamo segnali positivi sul fronte Sarri e negativi sul fronte Guardiola. Vi avevamo sempre scritto che mancava l’ultimo tassello, ovvero la liberazione dal City. In assenza di sentenza UEFA, la pista Sarri ha acquisito solidità. Altre fonti avevano scritto che Guardiola si era liberato dal City e che era tutto a posto, ma a noi non è mai risultata questa notizia. Ci è invece risultato che dal lato del City sono stati sempre rigidi e che gli sceicchi non hanno ovviamente mai avuto intenzione di lasciare andare Guardiola. Sulla sentenza abbiamo dato ascolto e credibilità al buon Marco Bellinazzo il quale, nel giorno della comunicazione UEFA relativa al Milan, aveva riportato che mancavano circa 10 giorni per la sentenza del City.

La pista Sarri è stata chiaramente un’alternativa, proprio perché i bianconeri hanno fatto l’impossibile per arrivare a Guardiola. Fatto sta che poi Sarri era bloccato e che ha “sposato” la causa Juve senza esitazioni. Prendere Guardiola era difficile, visto il contratto in essere con il City e la volontà del club inglese, prendere Sarri è stato molto più semplice.

Colpo che lascia molto perplessi a livello mediatico, ma a livello tecnico Sarri non si discute. Grossa inversione di tendenza rispetto ad Allegri. I tifosi bianconeri lo vedranno sul campo dopo un naturale periodo di adattamento. A livello mediatico un Sarri non ha lo stile né l’appeal di Guardiola, ma i risultati hanno parlato per lui. A Napoli ha sfiorato uno scudetto, al Chelsea, al primo e unico anno, è arrivato terzo in Premier, ha vinto l’Europa League e si è arreso solo ai rigori nella finale di EFL Cup.

Chiosa infine sulla vergognosa, stucchevole e vomitevole guerra tra giornalisti. Riportiamo questo ottimo Tweet: