• Tempo di lettura:2Minuti

Massimiliano Allegri ha deciso di puntare su Moise Kean nel match contro l’Udinese. A campionato già vinto (si attende solo la matematica, che potrebbe arrivare tra poco più di un mese) e, in vista del match contro l’Atletico, l’allenatore ha deciso di far riposare quasi tutti i titolari.

Kean è stato schierato titolare, giocando il primo match dall’inizio. Ricordiamo che il classe 2000 nativo di Vercelli aveva segnato invece in Coppa Italia contro il Bologna.

Kean ha fatto vedere grandi cose nelle nazionali giovanili italiane, mentre al Verona è stato coinvolto nel marasma generale. Ciononostante, il teenager piemontese ha comunque messo a segno quattro reti.

Purtroppo la concorrenza è altissima e Allegri non ha potuto schierare Kean in partite più importanti. La speranza è che il ragazzo possa avere spazio costantemente da qui a fine campionato. Mancheranno 11 partite, con la Juve che punterà probabilmente al record di punti, ma questo non toglie che in match meno insidiosi (tipo in 5 o 6), Kean possa partire titolare. I giovani italiani vanno fatti assolutamente giocare. A fine stagione capiremo se Kean sarà pronto per avere più spazio nella Juve, oppure dovrà andare nuovamente in prestito.

All’estero i classe 2000 giocano se sono bravi. Kean si trova già in un top club e, obiettivamente, la concorrenza è enorme. Se prestito sarà, che sia prestito in squadre di buon livello, magari in un Sassuolo, con la promessa di poter giocare titolare. Ha 19 anni e nessuno gli corre appresso, ma i ragazzi di talento devono trovare spazio.

Chiosa su qualche commento complottista e “maligno” sulla performance e i gol di Kean.