• Tempo di lettura:2Minuti

L’Inter di Spalletti è stata punita nel match di ieri contro il Tottenham al primo errore commesso.

Con lo 0-0 la qualificazione sarebbe stata conquistata, mentre adesso i nerazzurri si ritrovano per la prima volta al terzo posto nel girone. Per potersi qualificare i nerazzurri dovranno ottenere un risultato migliore di quello del Tottenham all’ultima giornata. Se il Tottenham dovesse pareggiare a Barcellona i nerazzurri dovranno vincere contro il PSV, mentre se gli Spurs dovessero perdere alla squadra di Spalletti basterebbe il pareggio. Nel caso in cui gli inglesi dovessero espugnare il Camp Nou sarebbe invece finita.

Molti temono il biscotto del Barcellona, o meglio, che i Blaugrana non giocheranno al massimo.

Questi dati mostrati da Fulvio Santucci dimostrano invece che negli ultimi anni i Blaugrana sono sempre stati arbitri corretti nella lotta per la qualificazione al turno successivo.

A questi tre casi si aggiungono quelli che ebbero come protagonisti due italiane.

Il 7 dicembre 2005 all’Udinese bastava il pari per passare il turno, ma il Barcellona segnò al Friuli due reti addirittura allo scadere, condannando gli uomini di Guidolin all’eliminazione dalla Champions.

Il 9 dicembre 2015 i Blaugrana fecero invece un enorme favore alla Roma. I giallorossi, in grossa crisi, non andarono oltre un sofferto pareggio in casa contro il BATE Borisov. A quel punto al Leverkusen sarebbe bastato trovare il gol del 2-1 in casa contro il Barcellona. I catalani, imbottiti di riserve, riuscirono tuttavia a resistere nel secondo tempo. Grandissimo protagonista fu il portiere Ter Stegen.

Abbiamo pertanto ricordato ben cinque situazioni in cui il Barcellona si è ritrovato ad essere arbitro della qualificazione altrui e non ha mai “falsato” il girone. Che sia di buon auspicio per l’Inter, che deve comunque fare di tutto per battere il PSV, senza fare alcun calcolo.

 

Vincenzo Di Maso