• Tempo di lettura:2Minuti

L’articolo di Repubblica aveva creato grandi polemiche ed oggi è arrivata la risposta ufficiale di James Pallotta, che ha affrontato a tutto tondo tutta la situazione della Roma.

Con un lungo comunicato, emergono alcuni aspetti salienti. Ve li riassumiamo in alcuni punti.

– Il Presidente americano si è fatto carico delle responsabilità, visto che se la stagione è andata in modo disastroso per le scelte di DS, allenatore e giocatori, è in primis colpa sua.

– Daniele De Rossi ha manifestato un forte rammarico per l’acquisto di Nzonzi. Questo a causa delle parole di Monchi poco prima dell’acquisto del francese, visto che aveva rassicurato il capitano che non sarebbe arrivato un giocatore del suo stesso livello, cosa poi avvenuta e il giocatore ha avuto uno sfogo oltre le righe.

– La decisione di non rinnovare il contratto a De Rossi nascerebbe da una chiara esigenza tecnica, visto che a suo dire, non si poteva garantire la presenza di un giocatore che poteva garantire solo 10-15 gare stagionali.

– Non è vera la storia della presunta fronda dei senatori, come non esiste niente di vero riguardo al possibile lotta interna tra Totti e De Rossi, oltre che i giocatori non avrebbero mai chiesto la testa di Di Francesco.

– Il presidente si rimprovera di non essere intervenuto a dicembre con il cambio del tecnico e dei preparatori, decisione poi presa in seguito, quando ormai la situazione era difficilmente riparabile.

– L’estate scorsa, Monchi ha chiesto pieni poteri sul mercato, prendendo decisioni che si sono rivelate incompatibili con le esigenze tattiche di Di Francesco.

– Le cessioni effettuate sono sempre state fatte per esigenze del Fair Play finanziario, visto che non si può scherzare con la UEFA.

– C’è la volontà di migliorare l’organigramma societario, sopratutto alla luce dei recenti accadimenti, depotenziando il DS rispetto il passato.

– Si è ribadita la centralità di Franco Baldini come fidato consigliere, ma che non è stato coinvolto in tutte le scelte.

 

Ci stavano anche piccoli punti, ma questi sono i topic di maggiore rilevanza usciti fuori dal lungo comunicato apparso sul sito della Roma.

 

Giacomo Cappellin