Questo video in cui Massimo Marianella parla di Pirlo, Sarri e Lampard ha dell’incredibile.

Marianella parla di “coraggio”, esaltando la scelta di Agnelli. Ha parlato di scommessa, quella di Pirlo (“It’s a challenge”), con delle basi, visto che “Pirlo conosce il calcio, ha vinto tanto all’estero”. Vero che non ha mai allenato, ma bisogna anche saper scommettere “ma c’è una super base”.

Definisce “fallimentare” la gestione Sarri. Gestione tecnica definita “un fallimento totale con calciatori, tifosi e società”. “Mai visto il bel gioco”.

Poi arriva il commento più fuori alla realtà proferito nei due minuti di video. “Al Chelsea per vedere il bel gioco hanno dovuto aspettare Lampard”. Si riferiva forse al bel gioco delle avversarie quando Lampard era in panchina. Per Marianella l’ultimo scudetto è stato vinto dalla gestione societaria Juve, “definita tra le migliori del pianeta”.

La realtà cozza con le parole del giornalista Sky. Nonostante avesse problemi con lo spogliatoio e la società, Sarri ha vinto a Torino e a Londra, con gruppi saturati e pieni di problemi. I suoi successori, senza alcuna gavetta, hanno palesato problemi enormi. Se Pirlo ha l’attenuante di non aver mai allenato, Lampard qualche esperienza la avuta. L’inglese non è considerabile un tecnico di tal nome.

Prima di Tuchel i Blues erano in crisi nera. Quando i Blues hanno nominato un allenatore, al posto di un tizio messo lì a caso, sono ripartiti. Ed è comico ascoltare Marianella parlare di “super base” nella scelta Pirlo. Parole che denotano una mancanza totale di considerazione nei confronti del lavoro di un tecnico al quale non hanno mai steso un tappeto rosso.

Le competenze di Maurizio Sarri sono esemplificate dai disastri avvenuti dopo che ha lasciato le squadre che ha allenato. Fosse stato così facile vincere un titolo, la Juve starebbe in testa alla classifica e avrebbe dovuto dominare, visti i tanti acquisti, assolutamente onerosi, effettuati per questa stagione.