• Tempo di lettura:2Minuti

Cippirimerlo è un’interiezione in tono scherzoso proferita per l’altrui infortunio, figura, epic fail, e chi più ne ha più ne metta. Un bel “Cippirimerlo” possiamo esclamarlo nei confronti della UEFA e di Ceferin.

Quest’ultimo, nel mese di giugno, si era reso protagonista di dichiarazioni alquanto grottesche. “La giustizia è lenta ma arriva sempre. A volte ho la sensazioni che questi club siano come i bambini che saltano la scuola per un po’, non vengano invitati alle feste di compleanno e poi cercano di entrare alla festa con la polizia”. In quale universo parallelo i bambini provano ad entrare alla festa con la polizia?

La giustizia è arrivata. La UEFA ha cancellato definitivamente il provvedimento, che aveva sospeso, nei confronti di Barcellona, Real Madrid e Juve. Le affermazioni della UEFA erano basate sul nulla. Subendo commenti di scherno e insulti, pur avendo interpellato esperti legali, abbiamo riportato decine di importazioni a fondamento. D’altronde i documenti di El Confidencial e le comunicazioni dei tribunali svizzeri e spagnoli parlavano chiaro.

Umberto Lago, ex presidente della camera investigativa della UEFA, aveva definito l’atteggiamento di Ceferin vessatorio. Siamo al cospetto di un personaggio che fa la morale agli uni per poi accettare tutto dagli altri. Non che Laporta, Agnelli e Florentino Perez siano dei santi e tutti i componenti della UEFA dei diavoli, ma l’atteggiamento del presidente rasenta il ridicolo.

Accordi con Al Khelaifi (definito “una brava persona” per i Mondiali in Qatar) e con Johnson per mantenere semifinali e finali di Euro 2020 a Londra, ma massima intransigenza nei confronti dei club “ribelli”. Dimenticando il fatto che, come testimoniato da El Confidencial, nessuno dei 12 club firmatari aveva cancellato la propria firma al documento di sottoscrizione della Superlega.

L’Italia, vincendo l’Europeo, gli ha servito un bel “Cippirimerlo”. Sembrava che fosse tutto apparecchiato per gli inglesi ma gli Azzurri rovinarono i piani. E il viso del presidente UEFA, alla consegna del trofeo al capitano azzurro Giorgio Chiellini, disse tutto. Adesso, viste le possibili conseguenze della Corte Europea, la UEFA ha mollato la presa. Faccia persa, ennesima figura barbina degna di un grande collezionista come Ceferin e possibili porte spianate per la Superlega. Che è solo questione di tempo…