• Tempo di lettura:2Minuti

Si legge Erling Braut Haaland ma in realtà si parla di genio col pallone. Il norvegese sta riscrivendo la storia del calcio scandinavo e quello internazionale. In pochi anni ha dimostrato di poter essere un giocatore come pochi e nessuno è allo stato attuale è al suo livello. Dal suo approdo in Bundesliga ha cambiato atteggiamento e si è implementato sulla tecnica e resistenza. Un po’ inglese un po’ tedesco ma dalla caratura norvegese: questo mix è stato ideale per la crescita dell’attaccante. Già agli esordi Erling Braut Haaland ha dimostrato il suo valore: al Molde grazie alla bravura di Solskjaer (ovvero icona del Manchester United e della nazionale norvegese) ha esordito con un impatto davvero mostruoso. Con la maglia del Molde ha segnato 20 gol in 50 partite e grazie a questo exploit Haaland è riuscito a farsi un nome internazionale. Infatti il primo gennaio 2019 il norvegese è approdato al Salisburgo iniziando la sua evoluzione offensiva.

Ma è al Borussia Dortmund che Erling Braut Haaland ha iniziato ad essere colui che un giorno batterà tutti i record del mondo. La squadra tedesca ha pagato solo 20 milioni di euro per ottenere le abilità del giocatore. Al debutto col nuovo team ha segnato 3 gol in 18 minuti e subito la ripartenza (dopo il Covid-19 ndr) ha segnato contro lo Schalke 04 (rete che verrà ricordata come la prima del post pandemia). La prima stagione col Borussia Dortmund è straordinaria: 44 gol in 40 partite. Nel marzo 2021 ha già realizzato 100 gol in Bundesliga in meno di 150 partite (inoltre rete realizzata contro il Bayern Monaco).

haaland golden boy 2020

Le abilità di Haaland sono incredibili: tira di destro, di sinistro e ottimo colpitore di testa. Punta agevole e potente seppur alta 194 centimetri. Ottima progressione e velocista nel contropiede. Sa difendere palla e ha un tiro preciso con sensibilità del gol straordinaria. Il 2020 è stato talmente ricco per Haaland che è riuscito a vincere il premio come Golden Boy davanti ad Ansu Fati (altro giovane dalle virtù impressionanti). Unica grande pecca è la nazionalità: purtroppo difficilmente vincerà un mondiale con la Norvegia o un Europeo. Il 29 dicembre 2019 è iniziata l’era di Haaland al Borussia Dortmund e dopo due anni non solo ha rafforzato l’idea di extraterrestre, ma di Icona del calcio che verrà. Haaland sta al calcio come il calcio sta ad Haaland….binomio straordinariamente simile