• Tempo di lettura:2Minuti

L’argentino non ce l’ha fatta a superare i problemi cardiaci. Oggi in conferenza stampa ha dato il suo addio al calcio.

Quel leggendario gol– “Aguerooooooo“. Basterebbe sentire l’urlo di Martin Tyler per rievocare un ricordo leggendario in ogni fan di calcio. Il Kun Aguero infatti ha impresso la propria firma in uno dei finali più pazzi della Premier League. Con un gol al 94′ infatti regalava al City un successo nazionale che mancava da 44 anni, nel lontano maggio del 2012. Sembra passata una vita da quando un 23enne argentino al primo anno di Premier League entrava nella storia.

Macchina da gol– Ma d’altronde per tutta la sua carriera ci ha deliziati con reti su reti. Come i 26 segnati nella Premier League ’14/’15, che gli valsero l’unico titolo di capocannoniere. Ma nonostante il titolo di miglior bomber sia solo uno, resta il marcatore all-time del City con 260 reti in tutte le competizioni. E nel campionato inglese è il quarto marcatore di sempre con 184 reti, dietro soltanto a Shearer, Rooney e Cole (nonostante abbia una media gol migliore di questi tre). E con tutti questi gol ha trascinato la sua squadra più volte in campionato, vincendone 5.

Barcellona– L’età però ne aveva limitato la forma, e allora in estate aveva deciso di andare al Barcellona, nella possibilità di giocare con l’amico di sempre: Lionel Messi. Purtroppo la Pulga è finita al Psg, e Aguero era finito solo al Barça. Ma lo scorso 30 ottobre, nella partita contro l’Alavés, aveva accusato dei problemi al cuore. Un’aritmia cardiaca che gli ha causato più di un semplice periodo di stop. Oggi in conferenza stampa ha ufficializzato il suo ritiro. Non ce l’ha fatta quindi a superare l’aritmia, si conclude così, in modo amaro, la carriera di un campione fenomenale. Oltre al Barcellona e l’infelice esperienza in Spagna, per tutti il Kun rimarrà uno dei più forti attaccanti che la Premier abbia mai avuto.

“Annuncio il mio ritiro dal calcio giocato. Decisione difficile, che ho preso 10 giorni fa, ma prima di tutto viene la salute. Lascio a testa alta, con tantissimi bei ricordi che mi porterò dietro. Non so cosa mi riserverà il futuro”

-Sergio Aguero in conferenza stampa