Lazio, un nuovo corso basato sulla freschezza

È iniziata la preparazione alla nuova stagione per la Lazio.

La squadra di Inzaghi oggi alle 15 si è presentata in Campidoglio per essere premiata dalla sindaca Raggi per la vittoria della Coppa Italia.
Dopo una stagione di alti e bassi chiusa con la grande soddisfazione di un trofeo, i biancocelesti ripartono con la voglia di lottare per quello che è diventato ormai da qualche tempo l’obiettivo di squadra e tifosi: il quarto posto che vale l’accesso alla Champions League.

Sono già arrivati segnali importanti dal mercato con gli acquisti prima di Vavro e nelle ultime ore di Jony e Lazzari. Il difensore ex Copenaghen dovrebbe completare la difesa a 3 di Inzaghi insieme ad Acerbi e Luiz Felipe. Un giocatore che ha dimostrato di saper entrare nel cuore dei tifosi e che proverà fin dal ritiro di Auronzo di Cadore (dove il clima sarà quanto meno più simile a quello danese) ad ambientarsi nel migliore dei modi nel nuovo gruppo.

Importanti anche gli arrivi di Lazzari, che darà una bella marcia in più alla fascia destra, e di Jony sbarcato oggi a Fiumicino e dimostratosi molto entusiasta: “Arrivo alla Lazio con tanta fame, è la mia più grande occasione. Quello italiano è uno dei più grandi campionati e per me rappresenta un salto importante. Al Malaga e all’Alaves devo molto, lì ho imparato tanto. Ma in un torneo difficile come la Serie A potrei migliorare tantissimo. Luis Alberto? Mi farà da mentore. Ci siamo sentiti, mi ha parlato bene dell’ambiente, dei tifosi e della città”.
Un po’ inaspettata, se vogliamo, l’esclusione dai convocati per il ritiro del veterano Radu che dopo tante stagioni nella capitale dovrà farsi da parte. Questo a meno che il confronto con Tare non sarà proficuo.

Per quanto riguarda il centrocampo, molto dipende dai rebus Luis Alberto e Milinkovic, come ripetiamo da giorni.
Lo spagnolo ha mandato qualche segnale al Siviglia e Monchi sembra motivato a riportarlo in Spagna. In realtà una sua permanenza è abbastanza probabile. Per quanto riguarda il serbo invece non sono arrivate questa volta rassicurazioni a Inzaghi su una sua permanenza e lo stesso Lotito ha confermato che verranno ascoltate offerte all’altezza. Offerte che tuttavia la Lazio ad oggi non ha ricevuto o quanto meno non sono state adeguate.

In attacco si dovrebbe ripartire da Correa e Immobile e non è esclusa una permanenza di Caicedo. La sensazione comunque è che manchino due/tre tasselli per completare la rosa. La strategia è chiara: acquisiti mirati senza troppi sconvolgimenti.

Se i biancocelesti riusciranno a sfruttare qualche occasione di mercato e ad ovviare all’eventuale partenza di Milinkovic-Savic avranno di certo una squadra competitiva, consolidata e soprattutto pronta per cercare di raggiungere un obiettivo che non deve essere un’ossessione ma che piano piano rischia di diventarlo.

Alessio Maria Giannitti

Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche