Lazio, da dove cominciamo?

La Lazio ha vinto la Coppa Italia battendo l'Atalanta. Peggior campionato di Inzaghi, ma ancora un trofeo sotto l'era Lotito!

Secondo trofeo per la Lazio con Simone Inzaghi alla guida. Un trofeo che arriva in una stagione a due volti: estremamente deludente in campionato e in Europa League, impeccabile in Coppa Italia!

Stagione quindi salvata per una Lazio non esente da contestazioni in stagione. Sotto accusa erano finiti presidente (come sempre), calciatori chiave e allenatore. Il cammino in Coppa Italia è stato in controtendenza con quello in campionato e la squadra non ha perso un colpo. Contro le milanesi c’è stato un predominio in tutti e tre i match e la qualificazione alla finale è stata più che meritata.

L’Atalanta è una squadra che in campionato ha dimostrato di essere più forte di quasi tutte le primissime, ma contro la Lazio in Coppa Italia ha subito una Lazio cazzuta, aggressiva, determinatissima e con gli occhi di tigre. Proprio questa costanza è mancata nell’arco del campionato. Il quarto posto sarebbe stato abbordabile, visto anche il punteggio nel girone d’andata e considerate le performance dei rivali.

Intanto Lotito e la Lazio portano a casa un altro trofeo. E qui si apre la solita diatriba: meglio alzare vari trofei nazionali diversi dallo scudetto oppure arrivare quasi sempre in Champions e crescere come club?

Questa è stata la notte del riscatto, la notte in cui la Lazio si è riconciliata con il popolo laziale e potrà ricordare il 2018/2019 come una stagione molto positiva, proprio per il trofeo vinto. Si tratta della terza Coppa Italia nella gestione Lotito, un Lotito che è sempre chiamato a ripartire con un progetto più ambizioso di quello attuale. Le coppe nazionali sono prestigiose, ma serve costruire una rosa competitiva per arrivare nelle quattro. Un futuro che potrebbe non vedere in panchina Simone Inzaghi.

Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche