Inter, quali propositi bellicosi sul centrocampo per il futuro?

L’Inter sta mano mano portando avanti un restyling radicale nel reparto nevralgico. Nel corso degli anni l’unico centrocampista che resisterà indenne a questo repulisti sarà Marcelo Brozovic. La rivoluzione ha avuto inizio questa estate, ma non basta. Sia Conte che Suning hanno portato avanti un programma a medio-termine, atto a rendere l’Inter competitiva per lo scudetto. Tutto ciò con buona pace di improbabili proclami della stampa. La società punta piuttosto a questa crescita graduale, ma inesorabile, con Suning che ha alzato il fatturato e le casse dell’Inter che scoppiano di salute.

Questa Inter ha tre centrocampisti validi per stare in una rosa da scudetto. Nessuno di loro è un campione, ma Barella, Sensi e Brozovic sono giocatori che faranno parte di un’Inter che punta a vincere in futuro. Brozovic è all’Inter da tempo, ma non ha ancora compiuto 27 anni. Barella di anni ne ha 22 e mezzo, mentre Sensi ne ha 24. Si tratta di tre elementi che hanno indubbi margini di crescita. Serve però costruire un parco centrocampisti di assoluto valore. La società ha le idee chiarissime: un pezzo da 90 giovane, un calciatore forte e di grande esperienza e un elemento utile e affidabile.

Iniziamo con il dire che Matic sarebbe un pessimo acquisto. Il serbo è in netta fase calante, sta facendo disperare allenatore e tifosi e commette errori marchiani. Il centrocampista dello United è comunque stato offerto e non è un obiettivo di Marotta e Ausilio.

Ivan Rakitic, seguitissimo da tanti club, sarebbe il colpo ideale. Il croato è in discussione nel centrocampo del Barcellona e le possibilità che vada via sono alte. Rakitic avrà 32 anni, non è di primo pelo, ma aggiungerebbe esperienza, classe, colpi e qualche gol, ingredienti ideali per il salto di qualità del centrocampo.

L’obiettivo primario è Donny Van de Beek, centrocampista dell’Ajax che ha incantato in Champions per duttilità, tecnica, intelligenza tattica, capacità realizzative e corsa. L’olandese ha 22 anni e mezzo e con i Lancieri ha segnato 30 gol nelle due ultime stagioni. Van de Beek è carissimo, ma l’Inter si sta muovendo già da adesso per anticipare la concorrenza. Si tratterebbe di un titolare che, assieme a un profilo di grande esperienza internazionale, darebbe a Conte un centrocampo da sogno.

Tonali, calciatore di caratteristiche diverse, sarebbe alternativo se Cellino rimanesse rigido nelle sue richieste, ma l’Inter ha ottime carte. I conti dell’Inter sono a posto e in grandissima ascesa, ma il Fair Play Finanziario non scompare. I prezzi di calciatori giovani e forti sono schizzati verso l’alto. Per Van de Beek l’Ajax chiedeva 70 milioni, per Tonali Cellino ne spara 50. Qualora il Brescia si salvasse, tuttavia, l’Inter potrebbe mettere nella trattativa giovani interessanti e soddisfare il patron nato a Cagliari.

Centrocampisti forti e di valore comunque non mancano e Marotta sa bene che dovrà puntare su due profili di spessore. Con la giusta strategia, piano piano l’Inter potrà avvicinarsi alla Juve e crescere anche in Europa. L’obiettivo primario è rafforzare il centrocampo, mentre l’attacco sarà rimpolpato a gennaio. A giugno si faranno le dovute valutazioni in base agli upgrade di Lautaro e Lukaku.

Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Potrebbe piacerti anche