I segnali per cui la Juve è attualmente a terra

La Juve ha ottenuto un importantissimo pareggio a San Siro nella semifinale di andata di Coppa Italia. Il gol di CR7 su rigore è arrivato per un episodio. Episodio in cui Calabria è stato sfortunatissimo. E la Juve aveva creato ben poco.

Vediamo allora i segnali che mostrano che la Juve è attualmente a terra.

La squadra è attualmente a corto di energie e corre davvero poco. I giocatori arrivano sempre dopo sul pallone. Cristiano Ronaldo è sempre decisivo, ma oggi non aveva grande esplosività e brillantezza. Lo si è visto da uno contro uno non riusciti, palloni persi e passaggi sbagliati, uno dei quali ha dato vita a un contropiede del Milan. E i compagni non stavano certo meglio.

L’errore della società è stato quello di non aver acquistato un sostituto di Pjanic e il bosniaco paga le troppe partite. Discorso molto simile a quello di Brozovic nell’Inter. Matuidi ha poi i suoi anni e Rabiot, come ricordiamo sempre, è stato fermo nella stagione scorsa.

Per quanto riguarda il Milan, abbiamo osservato un’ottima occupazione degli spazi e tentativi di pressare in alto con i centrali aggressivi che accompagnano la salita. Ibra è calato decisamente nell’ultima parte del match.

I centrali si ritrovavano i calciatori del Milan spuntare da varie parti ed erano molto sollecitati. La loro prova è stata sufficiente, mentre i terzini erano in difficoltà. Questi ultimi faticavano ad andare sul fondo, a mettere cross e a vincere duelli. Rebic ha messo in grossa difficoltà la difesa, che ha avuto problemi nel marcarlo. La condizione è decisamente negativa e ricorda quella del Chelsea lo scorso anno.

La buona notizia per Sarri è che il calendario riserva due partite sulla carta abbordabili in campionato. La condizione deve assolutamente salire. La preparazione è stata improntata per far arrivare la Juve in ottima forma in primavera, ma nel mentre stiamo assistento a queste difficoltà evidenti e a problemi di condizione.

Altro fatto negativo è che la Juve non ha certo preso il sopravvento in 11 contro 10. Il gol è arrivato per una giocata estemporanea. Fino ad allora, nei minuti dopo il rosso a Theo Hernandez, il Milan stava controllando e sembrava poter portare a casa un 1-0 fondamentale. Il pareggio è un palliativo, che salva parzialmente Sarri dalle polemiche, ma alla Juve occorre una sferzata decisa.

Banner 300 x 250 – Caseificio – Post
Potrebbe piacerti anche