• Tempo di lettura:2Minuti

Virgil Van Dijk, uno dei protagonisti più attesi della super sfida di Champions League tra Barcellona e Liverpool, è stato eletto di recente giocatore della stagione 2018-2019 in Premier League dalla PFA (Professional Fotballer Associations).

L’olandese è tutt’ora il difensore più pagato di sempre: per strapparlo alla concorrenza ed assicurarselo, il Liverpool ha dovuto sborsare la bellezza di 85 milioni di euro, arricchendo le casse del Southampton. Ma anche le tasche dell’olandese non piangono con uno stipendio di 10,7 ml di euro a stagione. Niente male per chi, fino a qualche anno fa, per vivere senza rinunciare alle proprie ambizioni calcistiche, lavorava per 3 sterline l’ora in un ristorante chiamato “Oncle Jean” a Breda, città in cui Van Dijk è nato. Lo svela The Sun: un’adolescenza complicata non solo dalle difficoltà economiche, ma anche da una situazione famigliare non semplice: un padre assente (i rapporti burrascosi col quale spiegano la scelta del 27enne di utilizzare sulla maglia solo il nome di battesimo) e una madre e due fratellini da portare avanti. 

Eppure Van Dijk è arrivato a Liverpool tra lo scetticismo generale, dovuto in particolare all’enorme cifra sborsata per il suo acquisto.

A gennaio scorso sembrava che neanche il potenziale giustificasse questa cifra abnorme spesa per un difensore. Fermo restando qualche errore che c’è comunque stato, l’ex Southampton ha assunto presto la veste di leader della difesa dei Reds. Il numero di porte inviolate con lui in campo è impressionante. Poi con Alisson tra i pali tutto diventa più semplice.

Inoltre, grazie al lavoro di Jürgen Klopp, l’olandese è oggettivamente migliorato anche come skills personali. Van Dijk rimane mostruoso nei duelli aerei, ma sta registrando una precisione passaggi degna di un regista difensivo di spessore.

Insomma l’olandese non ci ha messo molto a prendere per mano il Liverpool.

Stasera per Virgil si tratta della sfida più impegnativa, forse l’apice di questo meraviglioso percorso: il compito è quello di fermare un certo Lionel Messi, uno dei giocatori più forti della storia.

Lo stesso Van Dijk ha detto di non avere idea di come si possa fermare l’asso argentino ma non c’è dubbio che in questi giorni di abbia lavorato e stasera avremo l’opportunità di vedere un duello meraviglioso tra due grandissimi giocatori.

Alessio Maria Giannitti