• Tempo di lettura:2Minuti

Andrea Pinamonti non ha ancora compiuto 20 anni ed è alla prima stagione da titolare in Serie A. Il debutto nel massimo campionato è avvenuto già due anni fa, ma chiaramente l’attaccante di Cles non era ancora pronto. In Primavera ha dato un grande contributo. L’Inter ha così deciso di prestarlo a una squadra di Serie A che gli garantisse un buon minutaggio. Con il passare delle giornate, Pinamonti si è guadagnato sempre più spazio.

Queste le sue statistiche riportate dall’account “Pallottole di calcio”

I dati lasciano ben sperare. Innanzitutto, la media gol è di una rete ogni 231 minuti. Al netto di qualche fugace apparizione, Pinamonti, ha iniziato a giocare con continuità da fine novembre. Nel 2019 ha messo a segno 3 gol in 9 partite.

Nell’ultimo periodo ha ottenuto ottime valutazioni Sofascore. Delle ultime 9, solo in 3 occasioni è andato sotto il 6,5 e in ben 4 ha superato il 7. Contro il Parma ha ottenuto un 8,5. Non si tratta chiaramente di voti, ma di parametri statistici che prendono in considerazione tutti i dati offensivi (nel caso di un attaccante).

I dribbling riusciti sono superiori al 50%, mentre la media passaggi non è affatto brutta, considerando che il Frosinone non è una squadra offensiva e gli attaccanti spesso ricevono palloni sporchi. I duelli aerei vinti potrebbero sembrare pochi, ma non lo sono proprio perché Pinamonti si ritrova spesso stretto nella morsa tra due centrali.

Il trend è sicuramente positivo. Il 2019 è stato finora molto incoraggiate e il ragazzo friulano ha le carte in regola per segnare altri gol.

Il parallelo con Kean non regge, proprio perché l’italo-ivoriano aveva un anno in meno quando è andato in prestito e adesso già gioca in una big. Se Pinamonti confermerà il trend delle ultime giornate, potrà meritarsi un posto in una big come l’Inter. Non è chiaramente pronto per giocare titolare, ma con il giusto percorso potrà ritagliarsi il suo spazio in nerazzurro nei prossimi anni.