In un comunicato pubblicato sul sito ufficiale della Lazio, il presidente biancoceleste Claudio Lotito ha espresso la propria solidarietà nei confronti di Vincenzo Paparelli, che da troppi anni subisce offese alla memoria del padre Vincenzo.

“Voglio esprimere la mia più totale e incondizionata solidarietà a Gabriele Paparelli, ancora una volta vittima di vergognosi attacchi alla memoria del papà Vincenzo.

Credo sia arrivato il momento, una volta per tutte, di dire basta a queste strumentalizzazioni e di farlo a voce alta, senza tentennamenti. E penso di interpretare lo stato d’animo e il sentimento di chiunque si fosse trovato in una situazione come quella accaduta 41 anni fa, che non ha alcuna giustificazione sportiva nè, tantomeno, può essere interpretata come espressione di qualsivoglia tifoseria.

Vincenzo Paparelli era un tifoso della Lazio, ma era soprattutto un padre e un marito. Un uomo normale strappato alla vita da un gesto folle, il 28 ottobre del ’79, allo Stadio Olimpico.

Il derby di Roma è tra i più belli al mondo, è colore, rivalità e sana competizione nel rispetto delle regole e dei valori sportivi. Per questo non può e non deve traformarsi in tragedia e neppure nella speculazione su di essa. Prima di tutto va preservato il rispetto dell’essere umano e neanche la peggiore offesa può rappresentare un alibi per umiliare la memoria di una persona.

Faccio appello a tutti i tifosi affinchè queste ragioni si affermino – ancora di più oggi nel drammatico momento che stiamo vivendo – sempre, in ogni momento e al di là di ogni fede sportiva, per rappresentare un esempio che prevalga su qualsiasi tentativo di mortificare il vivere civile e il buon senso.

È tempo di parole chiare, di condanne nette e di prese di posizione responsabili”.