• Tempo di lettura:2Minuti

Venerdì all’Olimpico si disputerà quella che non pochi descrivono come “sfida più importante di questa fine d’anno”. Si gioca ItaliaSvizzera, sfida decisiva per capire chi accederà direttamente ai Mondiali del 2022. Non solo, lunedì prossimo la nostra Nazionale affronterà anche l’Irlanda del Nord a Belfast in un match meno impegnativo ma ugualmente importante.

Italia, il punto sugli infortunati e sui recuperi

Tantissimi i dubbi di Mancini durante questa fase di preparazione. A scioglierne diversi, nel male un lato positivo, le partenze obbligate di Zaniolo e Pellegrini. I due romanisti hanno accusato entrambi un’infiammazione al ginocchio, nel caso del primo un problema che lo attanaglia da diverso tempo. Per Zaniolo invece un ennesimo problema dopo la partita contro il Venezia che si somma a tutti gli altri infortuni vari.

Sono arrivati in ritiro dopo la partenza dei due uomini di Mou quindi il biancoceleste Cataldi e il neo-campione d’Europa Matteo Pessina. A centrocampo dunque non parrebbero esserci grandissimi problemi, essendo stati trovati tempestivamente rimpiazzi. Un altra incognita però è quella di Barella, lui insieme ad altri ha effettuato un allenamento di scarico nello stesso periodo dei compagni.

Insieme a lui anche Ciro Immobile in attacco, oltre a Chiellini e Bastoni. Sembrerebbe esserci un SOS in difesa per venerdì dunque, nonostante il recente recupero almeno di un pilastro della difesa Azzurra: Leonardo Bonucci. Lo juventino ha svolto l’allenamento insieme ai suoi compagni, un’ottima notizia soprattutto in vista degli altri vari buchi nel suo reparto. Potrebbero arrivare nuovi indizi, ci auguriamo confortanti, dalla seduta di oggi in programma per le 16.00.

Intanto nonostante la situazione che richiede un attento monitoro, Mancini risulta sempre di compostezza olimpica. Queste le sue parole ieri sulla sfida di venerdì:

 “Ci aspetta una partita importantissima, ma è una partita di calcio e sicuramente quella prima della finale dell’Europeo era una vigilia più ‘complicata’… Con la Svizzera sono sempre partite difficili, lo dice la storia: dunque massima concentrazione, ma anche massima tranquillità. Non dobbiamo pensare che abbiamo tutto da perdere: sappiamo quello che valiamo, quello che possiamo fare e se facciamo la nostra partita, credo faremo una grande partita. E ci divertiremo”.

Roberto Mancini

Per altre notizie seguiteci anche su www.persemprenews.it