• Tempo di lettura:3Minuti

Una vigilia non facile quella di Mancini in vista di Italia-Svizzera. Tanti, tantissimi infortuni e forfait in questo ritiro Nazionale hanno portato il nostro CT a fare di fatto delle scelte obbligate. Dopo il praticamente immediato ritorno a Trigoria di Pellegrini e Zaniolo altri tasselli fondamentali hanno dato forfait. Partendo da Chiellini, tornato ieri a casa, che però verrà sostituito probabilmente da Acerbi e la cui assenza verrà quantomeno tamponata dal recupero di Bonucci.

Ieri poi un altro titolare ha abbandonato il ritiro. Parliamo di Ciro Immobile, che già da qualche giorno proprio con la Lazio non era al top della forma. Si crea quindi il rebus per Mancini che spesso si è trovato a dover risolvere. Belotti in avanti o falso nueve? In generale sembra che su quale opzione sia meglio virare Mancini non abbia sempre le idee chiare. In questo caso però verrà premiato l’assetto tattico che di fatto ci ha sempre portato alla vittoria anche nell’Europeo. Belotti in avanti con Insigne a sinistra e Chiesa sulla destra. Con quest’ultimo sembra essere in ballottaggio Berardi, che proprio lo scorso Europeo contro la Svizzera ha fatto la sua migliore prestazione.

Le altre soluzioni dell’Italia di Mancini

Va detto però che Belotti non è stato mai protagonista con il suo Torino (ha collezionato solo 7 presenze). Per quanto riguarda poi Raspadori il ragazzo non è mai stato schierato al centro dell’attacco con il Sassuolo. Potrà essere una carta da giocare a partita in corso, in qualità di convocato in extremis. Volendo ipotizzare un attacco leggero invece sarebbe più probabile una scelta tra i quattro più titolari in quel ruolo. Insigne, Berardi, Chiesa e Bernardeschi; con quest’ultimo in ipotetico ballottaggio con il capitano del Napoli per il ruolo di punta.

A mettere il carico da novanta sulle varie problematiche anche i dubbi a centrocampo. Barella probabilmente recupererà per la Svizzera, ma il suo sostituto é valido ed è Matteo Pessina. È vero che di singoli a centrocampo Mancini ne ha tanti, ma non c’è tempo per integrarli nei dinamismi della squadra. Difficilmente immaginabile, fra gli altri, un esordio di Cataldi in una partita così importante come quella contro la Svizzera. Intanto comunque anche nella Svizzera ci sono molti assenti dovuti ad infortuni vari.

L’elenco degli assenti elvetici

Moltissimi problemi anche per la Svizzera di Yakin. Il più recente è l’addio di Zuber dell’AEK Atene per un infortunio all’adduttore. La Svizzera ha comunicato che per ora il giocatore non verrà rimpiazzato. Insieme a lui anche i fondamentali Embolo, Xhaka e Seferovic oltre ad Elvedi, Fassnacht e Kobel.L’Italia di certo giocherà ad armi pari contro la Svizzera nonostante gli assenti dunque, in una partita che assomiglierà ad un campo di battaglia con fin troppi guerrieri lasciati per strada.