• Tempo di lettura:2Minuti

Questa sera scenderanno di nuovo in campo gli Azzurri per la prima partita delle Final Four valevoli la Nations League. A San Siro andrà in scena Italia-Spagna.

Tutto esaurito a Milano per questa seconda semifinale tra Italia e Spagna del 2021. La prima ricordiamo bene come andò a finire, ad EURO2020. Oggi sarà diverso, formazioni completamente diverse e una probabile formazione Azzurra con scelte più obbligate che dettate da valutazioni tecniche per Mancini.

Non c’è Immobile, lo sappiamo. Al suo posto Moise Kean, che nonostante tutto non dovrebbe partire titolare.

Anche per la Spagna discorso simile. Il Morata che segno il pareggio della speranza per la Roja sarà assente questa sera. Come lui anche Gerard Moreno.

Queste sarebbero quindi le probabili formazioni.

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Bonucci, Chiellini, Emerson; Barella, Jorginho, Verratti; Chiesa, Insigne, Pellegrini. All. Mancini.

Spagna (4-3-3): Unai Simon; Azpilicueta, Garcia, Laporte, Alonso; Koke, Busquets, Merino; Sarabia, Oyarzabal, Torres. All. Luis Enrique.

Tridente assolutamente inedito quindi dell’Italia. Insigne Falso Nueve, come giocò una manciata di minuti ad EURO2020 (anche contro l’Inghilterra in finale). Ai suoi lati Chiesa, che sembrerebbe esser preferito a Berardi, e Pellegrini sull’altro versante.

La difesa è la stessa che affrontò la Spagna ad EURO2020, e il centrocampo resta quello consolidato.

Luis Enrique poche ore fa ha riservato parole al miele per gli Azzurri e per il loro gioco.

“Non mi ha stupito vedere l’Italia tornare a questo livello, perché vedevo come giocava a calcio e come cercava di migliorare. Non si resta tanto tempo senza perdere per caso, significa che fai tante cose bene. L’Italia è una delle squadre che meglio gioca a calcio secondo quello che è il mio stile, per me è la più forte d’Europa e del mondo”

Il clima a San Siro pare sarà quindi dei migliori, e nonostante il tridente inedito non possiamo non confidare nell’immenso potenziale della nostra Italia. 

Seguiteci anche su www.persemprenews.it