Gentile: “Abbiamo chiesto il 3-0 per Lazio-Torino, lunedì sapremo. Anomalo che Cairo possa usare un quotidiano, nelle carte della procura c’erano 30 numeri della Gazzetta. Inibizione? Lotito continuerà ad essere presidente

In diretta a ‘Punto Nuovo Sport Show’, trasmissione con Umberto Chiariello in onda su Radio Punto Nuovo, è intervenuto Gianmichele Gentile, legale Lazio: “Inibizione per il presidente Lotito riguarda solo l’attività federale. Quindi Lotito è presidente della Lazio e continua a fare quello che deve fare e resta consigliere, però non partecipa alle riunioni. Per sette mesi il consiglio federale sarà con un membro in meno. Tutto qua. Ricorso? Siccome le decisioni sono esecutive, il ricorso non sospende l’esecuzione delle sanzioni. Se il ricorso verrà accettato, tornerà a partecipare. Lotito può continuare a parlare e fare tutto quello che ha fatto fino ad ora. Può andare allo stadio come tutti i cittadini, ma non può andare nello spogliatoio. Pulcini? Non possono andare in campo ad assistere le partite. Il tribunale ha riconosciuto le ragioni della Lazio? Questo lo abbiamo sempre sostenuto. Vi invito a guardare bene il dispositivo, perché alcune delle sanzioni mosse dalla procura sono cadute: il dispositivo dice che accoglie il deferimento nei limiti della motivazione. Nelle motivazioni ci saranno degli episodi tra quelli contestati per cui il tribunale ha detto che non c’era niente di illecito. La Lazio non ha fatto giocare positivi? Gli episodi ridimensionati saranno quelli che riguardano Immobile secondo. 3-0 a tavolino contro il Toro? Lo sappiamo lunedì. Il giudice sportivo ha deciso che fosse necessario ripetere la partita, noi abbiamo fatto reclamo. Lunedì la corte d’appello decide sul nostro reclamo. Questo deriva dal fatto che l’Asl di Torino ha fatto provvedimenti contraddittori. Il problema è che c’è una materia in tema di Covid e calcio che è confusa. Non si capisce chi deve fare cosa. È un problema che va risolto, anche perché il regolamento sportivo dice che una squadra che ha 13 calciatori di cui un portiere ha l’obbligo di presentarsi. Deve esserci chiarezza. Querela alla Gazzetta? Sì. La Gazzetta ha scritto delle cose sicuramente esagerate e allarmanti, sicuramente tragiche. Nelle carte che ha depositato la procura ci saranno 30 numeri della Gazzetta Dello Sport. Invece quello che noi abbiamo querelato è stato un editoriale che ha usato termini diffamatori. Io ho sempre avuto rispetto per la stampa, anche se si scrive qualcosa di sbagliato, ma non bisogna offendere la gente perché non è giusto e su questo abbiamo reagito. Cairo contro Lotito? Non fatemi domande del genere. Non sono dentro al sistema. Questa è una battaglia che non ha niente di anomalo. Quello che c’è di anomalo è che se Cairo ha un giornale non può utilizzare quel giornale per attaccare un giorno sì e uno no contro Lotito. Se usa termini non diffamatori, lo faccia. Ma se usa termini diffamatori, paga per quello che ha fatto. Dazn? Lotito è una persona che sa fare il suo lavoro, che ha le idee chiare, che ha sempre difeso il mondo del calcio. Non ha mai anteposto i suoi interessi a quelli della Lega”.