• Tempo di lettura:2Minuti

Mercoledì Gigi Donnarumma, campione d’Europa con la nazionale azzurra ed ex rossonero, tornerà nel suo stadio, dove si è imposto e fatto conoscere, difendendo i pali della nazionale Azzurra nella semifinale di Nations League contro la Spagna.

Otto anni di carriera nel Milan non si possono certo cancellare in poco tempo.

“Non posso nascondere l’emozione, San Siro è nel mio cuore al pari del Milan di cui resto e resterò sempre tifoso” ha dichiarato il portiere di Castellammare di Stabia “sono in continuo contatto con Pioli e con Paolo Maldini con cui mi sono complimentato per la vittoria ottenuta ieri sera a Bergamo ed auguro a tutto il club di poter vincere il più possibile”. Tra adulazioni e rispetti reciprochi Donnarumma, è passato la scorsa estate al PSG dove si alterna tra campo e panchina con Keylor Navas, a seconda delle esigenze del tecnico Pochettino.

Donnarumma spera che il pubblico sia dalla sua parte una volta entrato in campo, “per me conta la Nazionale e vogliamo battere la Spagna” – afferma il portiere che minimizza l’alternanza nel club parigino dove non gioca sempre da titolare – “sono situazioni che ti fanno migliorare tanto, a volte ci sono anche sfide e quello ti fa crescere. Allenarsi con tutti questi campioni ti aiuta a crescere sia a livello umano che calcisticamente. E’ una bella sfida, non mi segnano sempre, sono contento di allenarmi con loro e crescere, di andare avanti in questa mia nuova sfida, cerco sempre di dare il massimo”. 

Gainluigi Donnarumma, classe 99 ha militato tra giovanili ed è diventato titolare nel Milan dal 2013 fino all’ultimo campionato.