• Tempo di lettura:2Minuti

Quanto successo oggi a Wanda Nara rasenta la follia. La moglie e procuratrice di Icardi era in auto, quando il veicolo è stato colpito con dei sassi. Come noto, la donna era in auto con i figli, dei bambini. Per fortuna (o per miracolo) non vi sono state conseguenze.

Questa gente è malata, di certo non di pallone, ma di cose molto più gravi. Alcune persone danno troppa importanza al calcio nella propria vita, magari non alzando un dito per situazioni che hanno ripercussioni ben diverse.

I tifosi dell’Inter hanno immediatamente presi le distanze da questi teppisti. La parte sana del tifo nerazzurro si è comportata ancora una volta nel migliore dei modi. Ricordiamo che dopo i vergognosi cori razzisti nei confronti di Koulibaly, da parte di qualche cerebroleso allo stadio, il tifo nerazzurro fece immediatamente sentire la propria indignazione.

Come abbiamo già scritto, l’atteggiamento di Wanda Nara nella conduzione delle trattative per il rinnovo e nelle tante parole di troppo proferite in TV non è stato corretto. Ma da qui ad aggredire una persona, appunto per futili motivi, ce ne passa un oceano. La violenza va sempre e comunque condannata. A maggior ragione per quello che per i tifosi dovrebbe essere un simpatico passatempo.

Sarebbe bastato un modo civile per manifestare il proprio dissenso alla situazione. Ancora una volta, tra coloro che si definiscono tifosi dell’Inter, c’è qualcuno che si rende protagonista di atti vergognosi. Questo non potrà che creare ulteriore caos, non farà bene né a Icardi né alla squadra. Proprio ieri abbiamo parlato delle avances della Juventus per il calciatore. Con questo clima incandescente, creato anche dalla stessa Wanda Nara e sfociato in atteggiamenti criminali come quello di oggi, le possibilità di rinnovo si abbassano. A perderci sarebbe solo l’Inter, la squadra che certi soggetti dicono di tifare… Il tifo e la passione sono invece ben altra cosa.