Il Napoli di Gattuso è maturo

Analizziamo il Napoli di Gattuso, i calciatori dai quali ripartire e il perché c'è da essere ottimisti per il futuro, anche senza Champions

La gara della maturità per il Napoli

Il Napoli c’è e conquista la quinta vittoria consecutiva in campionato. Ci sono vittorie che sulla carta sembrano facili, scontate, ma che in realtà non lo sono affatto. Quella di ieri è la vittoria della maturità, la vittoria che fa ben sperare per il futuro. Gattuso ha attuato una massiccia rotazione, la profondità della rosa lo consente, ma nonostante ciò la squadra non è affatto sembrata disunita, anzi. Tante le risposte positive che arrivano dal campo.

Mertens-Insigne-Callejon

Sono sette anni che giocano assieme, sono sette anni che si cerca di migliorali, ma sono sempre lì, insieme a tenere botta e fare goal. Il tridente dei “piccoletti” funziona una meraviglia. Mertens, non aveva mai fatto goal alla Spal, gli sono bastati quattro minuti per sbrigare la pratica. Callejon doveva spegnere le polemiche riguardanti il suo futuro e lo ha fatto segnando, ma non è una novità. L’unico che non ha segnato, ma paradossalmente è stato il migliore dei tre è il capitano. Sempre lucido ed efficace, corre combatte e colpisce anche un legno. Gli perdoniamo il dissenso sulla sostituzione.

Che Dio benedica i cinque cambi

Quando hai una rosa importante ed abbastanza lunga, hai il problema materiale di non riuscire a far ruotare tutti gli uomini. Ma in questa stagione, causa Covid, gli allenatori hanno a disposizione cinque cambi. Quando fai uscire Mertens, Callejon, Insigne, Mario Rui e Koulibaly ed hai la possibilità di far entrare Lozano, Younes, Milik, Ghoulam e Manolas, beh, hai tanti motivi per sorridere. Ed il sorriso aumenta a dismisura quando vedi i subentranti entrare con ardore unico, manco fosse la finale di Champions. Ed allora capita che Younes faccia goal, quello della chiusura dei giochi, ad un minuto esatto dal suo ingresso, che Lozano mostri segnali enormi di progresso e che Ghoulam entri con la voglia di spaccare il Mondo. Diffidate da chi vi racconta che la rosa della Lazio e dell’Atalanta siano più importanti di quella del Napoli.

Anche il futuro sorride agli azzurri

Il Napoli batte la Spal 3-1, anzi, 4-0. Tranquilli, non abbiamo assistito ad una partita diversa, è solo per far notare che la rete degli ospiti è stata siglata da Petagna, che non ha esultato, che dal prossimo primo di settembre vestirà la maglia del Napoli. Il suo acquisto, lo scorso gennaio, ha suscitato qualche polemica di troppo. A molti non piace ed in tanti si chiedono perché. Il buon Andrea oggi lo ha dimostrato. Nell’unica occasione concessagli dal duo Koulibaly-Maksimovic, ha fatto quello che un centravanti deve fare, goal. Il dodicesimo goal in campionato sui ventuno totali della Spal, niente male, veramente niente male.

 

Walter Vitale

Banner 300 x 250 – Spider – Post
Potrebbe piacerti anche