Herbert Chapman, il primo innovatore tattico del ventunesimo secolo

Raccontiamo Herbert Chapman, antesignano del manager moderno, fu nominato nuovo allenatore dell'Arsenal esattamente 96 anni fa

Herbert Chapman è considerato il primo grande innovatore tattico del ventesimo secolo ed è famoso per aver condotto alla vittoria Huddersfield e Arsenal. Il tecnico dello Yorkshire è “lo sviluppatore” piuttosto che l'”inventore” del modulo WM (il cosiddetto “sistema”), precisamente un 3-2-2-3, con la posizione in campo che raffigura queste due lettere.

Chapman fece passare lo stile di gioco inglese da uno schieramento “edwardiano”, iperoffensivo, a un gioco ragionato di passaggi e lavoro di squadra.

Un difensore può quindi marcare l’attaccante, visto che la linea difensiva è composta dallo stesso numero di uomini dell’attacco avversario. A centrocampo vi sono due mediani e due calciatori più offensivi, senza esterni, mentre l’attacco a tre è simile a quello attuale.

La struttura della squadra veniva semplicemente trasformata. Il lavoro dei calciatori a centrocampo era meno offensivo ma allo stesso modo fondamentale. A differenza del 2-5-3 uno dei centrocampisti arretra e diventa una sorta di libero del passato.

Secondo il giornalista di ‘Football 68‘, J.P. Rethacker: “Il WM garantisce un equilibrio tra le diverse zone del campo”. In Inghilterra verrà chiamato “quadrato magico”. Il “padre del sistema” viene considerato Herbert Chapman ma in realtà fu uno scozzese, Johnny Hunter, al Motherwell.

Tra il 1921 e il 1924 Champman portò l’Huddersfield a vincere tre titoli, una FA Cup e due campionati inglesi, guadagnandosi la corte dell’Arsenal, una squadra all’epoca che navigava a centro classifica. I Gunners lo resero il tecnico più pagato d’Inghilterra e gli fecero firmare un quinquennale.

A Highbury, Champman non fu un innovatore solo in campo, ma era un manager a 360 gradi: fece installare i fari allo stadio, fece stampare i numeri sulle maglie della squadra e scelse il colore bianco sulle maniche, introdusse l’Highbury Clock, e fece dare alla vicina stazione della metro il nome dello stadio. E nel 1928 scelse anche di ingaggiare David Jack, bomber del Bolton, che fu pagato 11.500 sterline, cifra record per l’epoca.

Nel 2003 è stato inserito nella National Football Museum Hall Of Fame.

 

Vincenzo Di Maso

Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche