CR7 e LeBron James: due leggende con un destino comune!

Ancora al top a 34 anni, Ronaldo e LeBron continuano a dominare anche attraverso un’attenzione alla gestione fisica a dir poco spaventosa.

Per quanto appartengano a due mondi sportivi diversi CR7 e LeBron James oltre a condividere l’età hanno tanto in comune sotto diversi aspetti.

Entrambi basano la loro forza su una preparazione maniacale e una dedizione senza eguali; a questo si uniscono, oltre all’inevitabile talento, delle doti da leader fuori dal comune e la grande capacità di incidere ovunque vadano.

Nella classifica annuale stilata da ESPN sui “più grandi nomi dello sport”, i primi due volti che appaiono sono quelli di Cristiano Ronaldo e di LeBron James.

Quasi come segno del destino entrambi hanno preso una clamorosa decisione quest’anno decidendo di cambiare casacca ad una settimana di distanza.

Viene dunque inevitabile tracciare un bilancio delle loro decisioni così sorprendenti che contengono più parallelismi di quanto si possa immaginare. Innanzitutto, CR7 e King James sono in una fase simile della carriera: entrambi 33enni, nell’ultima stagione hanno giocato a un livello impensabile per atleti della loro età, mostrando un tecnico, fisico e forza mentale nei rispettivi sport che in pochi possono vantare nella storia. Cristiano e LeBron sono a un livello tale da essere al di sopra di ogni sospetto o critica: non c’è più niente che debbano davvero dimostrare al mondo, il loro nome nella storia è assicurato tra i migliori di sempre (se poi siano i migliori in assoluto è ancora troppo presto per saperlo).

Non sono molti gli atleti in grado di farsi carico dei destini delle proprie squadre come fatto da loro nell’ultima stagione: James ha trascinato una versione particolarmente mediocre dei Cleveland Cavaliers fino alle Finali NBA (le quarte in fila con i Cavs, le sue ottave consecutive) disputando dei playoff incredibili; Ronaldo ha vinto la sua quinta Champions League in carriera, la terza consecutiva, macinando record su record in termini di gol e prestazioni in tutta Europa, risultando il giocatore più forte e determinante di una squadra che fa già parte della storia del calcio. Non a casa molte sue prestazione sono state definite “Lebroniane” proprio per questa capacità di caricarsi i compagni sulle spalle.

Entrambi hanno una voglia pazzesca di essere determinanti soprattutto nei periodi decisivi, proprio per questo salta all’occhio come riescano (in particolare CR7 anche attraverso criteri stabiliti con il proprio allenatore) a gestirsi e a gestire ovviamente anche l’età in modo da poter arrivare in perfetta forma nella parte finale della stagione: LeBron sempre decisivo ai Playoff e Ronaldo spesso nelle finali di Champions League.

Questo non solo riposando ma riuscendo (lo stiamo vedendo anche in questo scorcio stagionale) ad attivare il risparmio energetico anche durante le stesse partite per poi spuntare con la zampata che comunque lascia il segno.

Insomma due figure che sono attualmente al top tra gli atleti mondiali e che anche attraverso il duro lavoro e una costante forza e voglia di essere i migliori riusciranno a lasciare un segno indelebile nella storia dei rispettivi sport.

 

Alessio Maria Giannitti

Banner 300 x 250 – Aragon Trasporti – Post
Potrebbe piacerti anche