• Tempo di lettura:3Minuti

Dopo il brutto infortunio di Federico Chiesa, la Juventus ha necessità di attivarsi sul mercato e cercare quanto prima un degno sostituto. 
È innegabile che con Chiesa la Juve perde uno dei giocatori più importanti della sua rosa e, per evitare quello successo con Cr7 e la scelta di proseguire senza un sostituito, deve cambiare i programmi per il mercato di gennaio. 

La prima operazione è stata quella di blindare Dejan Kulusevski.
Il classe 2000 era sul mercato per offerte maggiori di 30 mln ed è stato subito tolto perché potrebbe essere proprio lui il protagonista scelto per rimpiazzare Chiesa sulla fascia destra. 
Il summit di calciomercato della dirigenza bianconera avverrà dopo la finale di Supercoppa in programma per domani sera. 
Diverse sono le piste percorribili a seconda che si voglia puntare su un esterno di attacco o continuare a cercare una prima punta. 

AZMOUN IN POLE POSITION 

Rimpiazzare un giovane talento come quello di Chiesa non è affatto facile, soprattutto nel mercato di gennaio. 
Secondo Sky Sport la Juventus si starebbe già muovendo in modo concreto e in pole position ci sarebbe Sardar Azmoun.
Classe ‘95, l’attaccante iraniano è in scadenza di contratto con lo Zenit ma essendo extracomunitario potrebbe arrivare alla Juve solo in prestito. 
Non sarà facile convincere lo Zenit che vorrebbe, invece, cedere il giocatore a titolo definitivo.
Con il club russo ha segnato oltre 60 gol, uno di questi proprio contro la Juventus in Champions League lo scorso 2 novembre all’Allianz Stadium. 
Il profilo dell’attaccante, versatile e forte, è proprio quello che servirebbe a Massimiliano Allegri in questo momento. 

LE ALTRE PISTE

In Italia resta caldo il nome di Gianluca Scamacca del Sassuolo che non sembra molto intenzionato, dopo la vendita di Locatelli proprio alla Juve, a cedere ora un dei suoi giocatori migliori.
Attenzione anche al nome di Lorenzo Lucca, il calciatore è inesperto certo, ma in un momento in cui servono assolutamente giocatori di personalità e fisici, anche la torre del Pisa, come lo chiamano i tifosi, potrebbe essere una soluzione di aiuto.

All’estero rimane in piedi la pista che porta a Mauro Icardi del Psg che sembra intenzionato a tornare in Serie A. 
Il problema resta convincere i francesi a liberarlo con la formula del prestito e trovare il modo di minimizzare i costi dato che guadagna ben 10 milioni di euro a stagione, eccessivi per le attuali casse bianconere. 
Attenzione anche ad Anthony Martial, attaccante in uscita dal Manchester United. Da non sottovalutare neppure la pista che porta a Ousmane Dembelé, anche lui alla ricerca di una nuova sfida professionale e dato ormai in partenza dal Barcellona. 

In uscita ci sono invece Arthur, Bentancur, Ramsey e Rabiot, gradito al tecnico livornese, ma sulla lista dei partenti per ragioni economiche. Il suo ingaggio da 7 milioni di euro netti sta diventando insostenibile per la Juve.
Ferma restando la necessità di fare cassa prima di poter realizzare un acquisto di livello, è sotto gli occhi di tutti che i bianconeri devono assolutamente intervenire per dare dei rinforzi ad Allegri. 
Serve cambiare qualcosa con Morata che resta in bilico e con un centrocampo dove l’unica pedina certa del posto è Locatelli.