• Tempo di lettura:2Minuti

Diciamo la verità, se l’UEFA dovesse in questo momento puntare su degli arbitri per una finale di Champions, come possiamo solo sperare che venga a scegliere in Italia?
Purtroppo, in quest’ultimo campionato gli arbitri e il V.A.R. hanno fatto di tutto per far perdere di credibilità il nostro calcio. Gli ultimi episodi, poi, sono stati come un macigno legato al collo di un naufrago in pieno oceano. Se agli errori già di per sé molto gravi andiamo ad aggiungere lo striscione laziale esposto durante Lazio-Sampdoria e le dichiarazioni del D.G. della Fiorentina, Joe Barone, allora il nostro Paese calcisticamente ne esce a dir poco ridicolizzato. La cosa peggiore, poi, è la mancanza di confronto tra membri dello stesso staff.

Per non parlare, poi, degli attacchi a Mourinho! Il tecnico giallorosso è stato sempre duramente attaccato quando si è lamentato degli arbitri, ma alla fine lo stesso designatore degli arbitri, poi, gli ha dato spesso ragione squalificando gli arbitri durante la settimana successiva.

Ora, possiamo capire che Mourinho è uno dei migliori tecnici al mondo, ma non credo che Rocchi squalifichi Pairetto e Banti fino al termine del campionato solo per le parole dello Special One. Si potrebbe anche capire che un dirigente, un tecnico, un calciatore abbia l’obbligo di difendere la squadra a cui appartiene, ma per difendere non si può negare l’evidenza. Atteggiamenti simili, alla fine, sono dannosi per l’intero sistema calcio italiano. Alla fine, inoltre, l’Europa non perdona. Le squadre che arrivano in Europa senza averlo meritato diventano una sorta di barzelletta e vengono eliminate alla fase a gironi. Begli ultimi anni lo stiamo vedendo: è sotto gli occhi di tutti.

Non ultimo il match della vergogna, valevole per la vittoria della Coppa Italia. La partita arbitrata da Valeri, é una sorta di “Gioconda” in brutta copia. Come riferito dall’ex e noto arbitro Bonfrisco, giá al 7⁰ minuto c’era una ammonizione per Brozovic. L’ex arbitro ha fatto notare che duramente il match, c’erano due potenziali ammonizioni, una di questa è la richiesta della visione al VAR. Nettissimo poi l’intervento sul bianconero con cartellino giallo: per REGOLAMENTO, il gioco si sarebbe dovuto riprendere subito ma il nerazzurro ha allontanato la palla. Da REGOLAMENTO era ammonizione e con una doppia ammonizione Brozovic avrebbe fatto visita alla doccia.

Insomma, mentre da noi si discute, l’Europa deride la nostra classe arbitrale .