Non è certo una partita di cartello la “finalina” tra Italia e Belgio che si giocherà a Torino alle 15. Tra infortuni, prove e un occhio alle necessità dei club, Mancini farà un ampio turnover. Donnarumma, dopo le poche presenze col PSG, verrà confermato tra i pali mentre la coppia difensiva verrà sostituita da Acerbi e Chiellini. Sugli esterni agiranno Di Lorenzo e Emerson, quasi per mancanza di alternative. A centrocampo verrà confermato l’insostituibile Jorginho ma al suo fianco giocherà Locatelli, che sostituirà Verratti, e Pellegrini il cui impatto con la Spagna è stato molto positivo. Sull’esterno di sinistra Chiesa è avvantaggiato su Insigne mentre a destra torna Berardi con Raspadori terminale offensivo.

Roberto Martinez farà ancora più turnover poichè Il Belgio non considera rilevante questa partita e ruota integralmente i giocatori per evitare affaticamenti. Casteels sostituirà Courtois, che ha candidamente ammesso l’inutilità di questa gara. Il 3-4-2-1 del tecnico sarà “condito” da tre centrali inediti: Boyata, Denayer e Theate daranno respiro ai mostri sacri Aldelweireld e Vertonghen mentre la linea dei quattro di centrocampo sarà composta da Vanaken e Dendoncker in mediana con Saelemaekers e Carrasco sulle fasce. Dietro a Batshuayi unica punta agiranno i due trequartisti De Ketelaere e Trossard. La gara verrà trasmessa su RaiUno con fischio d’inizio alle 15.

Italia (4-3-3): Donnarumma; Di Lorenzo, Acerbi, Chiellini, Emerson; Pellegrini, Jorginho, Locatelli; Berardi, Raspadori, Chiesa. All. Mancini

Belgio (3-4-2-1): Casteels; Boyata, Denayer, Theate; Carrasco, Vanaken, Dendoncker, Saelemaekers; De Kaetelaere, Trossard; Batshuayi. All. Martinez