• Tempo di lettura:3Minuti

Il figlio del presidente dell’Atalanta, Luca Percassi, ha deciso di rilasciare un’intervista per il giornale principale della provincia bergamasca, L’Eco di Bergamo. Le sue parole vanno a toccare più tematiche che interessano ai tifosi atalantini, dalla vendita alla cordata americana, fino alle speranze in Europa League.

Inizialmente ci tiene a presentare gli scenari che si prospettano per la Dea nel finale di stagione. Dicendo:

«L’Atalanta non sarà indebolita, a prescindere dalla conquista della qualificazione in Champions. Ma con 9 gare di campionato più i quarti di Europa League da giocare in questo momento non rinuncio ad alcun traguardo»

Luca Percassi

Poi vuole rassicurare i tifosi delucidando il passaggio delle azioni alla cordata statunitense guidata dal presidente dei Boston Celtics, Steve Pagliuca.

«Pagliuca ci ha scelto perché apprezza la nostra gestione, non per cambiarla. Quindi la politica della società non cambia di una virgola. La crescita del club sarà figlia della crescita dei ricavi e Steve ci porta potenzialità commerciali enormi».

Luca Percassi

Un altro tema molto in voga tra le fila atalantine riguarda il cambio di staff. Infatti, già da qualche settimana è stato presentato il nuovo acquisto dello staff tecnico Lee Congerton.

«L’arrivo di Lee Congerton amplia e potenzia la struttura esistente, per renderla ancora più competitiva. Noi saremo sempre pronti a sfruttare ogni occasione che si potrà creare».

Luca Percassi

Con queste parole tende a glissare su un “gossip” che aleggia negli ambienti atalantini: il probabile addio del DS Sartori. Si pensa infatti che l’arrivo di Congerton presupponga la fine del rapporto tra il direttore di Lodi e l’Atalanta, che in questi anni ha portato a Bergamo diamanti grezzi che Gasperini è riuscito a plasmare alla perfezione come Robin Gosens o Duvàn Zapata.

Spende poi qualche parola sull’Europa League, dicendo:

«Se possiamo vincere l’Europa League? Non fatemi questa domanda, in gara ci sono grandissimi club e la strada da fare è ancora lunga. Ma per noi è un orgoglio giocarci, ogni volta mi torna in mente il 3-0 all’Everton da cui siamo partiti, a Reggio Emilia».

Luca Percassi

Come da prassi per i Percassi, l’AD vola basso senza alimentare grandi speranze, ma c’è da dire che l’Atalanta da quel 14 settembre del 2017 è cresciuta molto. Dalla vittoria contro l’Everton, Gasperini e i suoi ragazzi sono riusciti a raggiungere grandi obiettivi e con partite giocate ai livelli di quelle contro il Bayer Leverkusen, la finale di Europa è alla portata.

Luca Percassi ha delineato molto bene quello che secondo la società sarà il futuro dell’Atalanta togliendo molti dubbi. Ora sta alla squadra raggiungere i suoi obiettivi dimostrandosi una vera e propria big italiana ed europea, non solo una “cenerentola”.