• Tempo di lettura:3Minuti

Direttamente dal ritiro con la sua Nazionale, Robin Gosens ha parlato a Sport1.de di campo e mercato, chiarendo le voci che parlavano di un suo trasferimento in Germania a fine agosto. Le dichiarazioni complete

“Convocazione in Nazionale? Mi sono messo alle spalle un anno di sofferenza e sono naturalmente felice di essere di nuovo qui. Questa convocazione la vedo come un premio per il duro lavoro. Ma il biglietto per i Mondiali in Qatar non è sicuramente ancora nelle mie mani. Sono di nuovo pronto a ricombattere. Non sono ancora in quello stato di forma nel quale ero a Bergamo quando le mie prestazioni erano così buone. Ci sono vicino, ma so allo stesso tempo che c’è ancora molto su cui lavorare.”

Parti sempre dalla panchina nell’Inter, ti dà fastidio?

“Gioco in un top club mondiale e sono felice all’Inter. Il mio obiettivo è affermarmi in questo grande club. Adesso devo giocare tre, quattro, cinque partite consecutive, sto lavorando per questo. Anche in ottica Mondiali devo prendere un certo ritmo.”

Il Bayer Leverkusen ti voleva in estate: è vero?

“Ho parlato al telefono con Simon Rolfes e abbiamo avuto uno scambio sincero e aperto. Gli ho detto che non sono ancora finito all’Inter e che vorrei combattere. Mi sento molto bene ora all’Inter e di certo non ci sono contro la mia volontà. Sono super motivato e sono felice dei compiti che mi aspettano. Ma sono soddisfatto solo quando sono in campo, questo è un obiettivo che ho con me stesso.”

Cosa ti ha detto Flick per la convocazione?

“Mi ha telefonato e mi ha detto: “Robin, voglio farmi un’idea di te e della tua forma. Siamo sempre stati in contatto anche quando ero infortunato. A Hansi è piaciuto il fatto che abbia giocato due partite in Champions League da titolare. Sono grato di poter dimostrare ancora prima del Mondiale. É stata dura durante l’infortunio. All’Europeo ero una star e il futuro nel mio ruolo, poi l’infortunio e improvvisamente devi ricominciare da capo. David Raum e Christian Gunter hanno fatto molto bene. A posteriori direi che sono maturato dopo questa caduta.”

Futuro in Bundesliga?

“Ho questa grande volontà di realizzare questo sogno. Credo che, come giocatore tedesco che gioca in Nazionale e che ha esperienza di campionati esteri, potrei interessare molti club della Bundesliga anche in futuro. Ho sempre seguito la Bundesliga fin da piccolo e la guardo anche ora in Italia: è l’unico campionato che guardo costantemente. Naturalmente non ci sono garanzie che ciò si avveri, ma me lo auguro in maniera totale. Se si dovesse realizzare il sogno della Bundesliga, lo Schalke sarebbe sicuramente il connubio perfetto. É sempre stato il club per il quale tifavo. Nella mia regione lo tifano tutti. Se dovessi mai capitarci si chiuderebbe il cerchio.”

Seguici anche su News e ultime notizie oggi da Italia e Mondo – Per Sempre News