• Tempo di lettura:2Minuti

L’estate di Cristiano Ronaldo sta diventando una comica. Un cinepanettone di risate e cose impensabili. Prima i malumori e quella voglia sfrenata di lasciare lo United, poi Ten Hag che se ne esce con dichiarazioni che lo mettono alla porta, quindi la pace, o meglio, l’armistizio. Una tregua. Tutte e due farebbero a meno dell’altro, e questo è chiaro; i Red Devils che puntando su un tecnico ambizioso ma estremamente tattico sanno benissimo che la presenza di CR7 possa essere ingombrante, il portoghese che vorrebbe giocare la Champions. Destini diversi, seppur con le medesime ambizioni. Più i giorni passano e più il nome del cinque volte pallone d’Oro viene accostato ad una squadra diversa.

E proprio questo è il lato più goliardico della situazione. Da un possibile ritorno alla Juve, a quello al Real Madrid. Dal Chelsea al Napoli. Addirittura Sporting Lisbona, squadra che lo ha fatto crescere. Oggi se ne aggiunge un’altra alla lista, il Galatasaray, club turco che sta facendo investimenti importanti, vedi Torreira e Mertens. Come riporta il quotidiano iberico Sport, il Gala sarebbe disposto ad offrire un contratto da 9 milioni netti a Cristiano Ronaldo. La risposta del diretto interessato non è tardata ad arrivare: un No secco senza troppi ripensamenti. La motivazione? La Champions League. Competizione che il Galatasaray non può garantirgli dopo il 13° posto della scorsa stagione nella Super Lig turca.

“CASO RONALDO”, DOMANI IL DEBUTTO?

Domani lo United farà il suo debutto in Premier in casa contro il Brighton. Lì potremo avere un quadro migliore sulla posizione di Cristiano, visto che si tratta di una partita ufficiale. Di sicuro, i rapporti non idilliaci con Ten Hag potrebbero avere un peso importante nell’economia dello spogliatoio. Staremo a vedere ma l’ombra del 31 agosto si fa sempre più vicina.

Seguici anche su News e ultime notizie oggi da Italia e Mondo – Per Sempre News