• Tempo di lettura:3Minuti

A Reggio Emilia Sassuolo e Lazio hanno provato a riscaldare i tifosi sugli spalti. Pronti via e subito la Lazio è andata a in vantaggio grazie ad una bella discesa di Pedro che ha imbeccato perfettamente Zaccagni e nell’area piccola ha segnato. 1-0 per la Lazio. La replica del Sassuolo è stata immediata, ma non efficace. Scamacca ha ricevuto la palla in aria di rigore, ma un preciso Strakosha ha salvato il gol del vantaggio. La prestazione dell’albanese è molto più sicura rispetto a quelle delle ultime giornate di Reina. Più affidabilità tra i pali e maggior sicurezza difensiva della Lazio in queste gare (dopo il 4-4 contro l’Udinese, ndr). Ma l’occasione migliore è stata di Domenico Berardi che al 25’ ha centrato il palo dopo un errore grave di Akpa Akpro. Il Sassuolo ha il pallino del gioco e ora sta avanzando velocemente usando le fasce come proiezione offensiva. Ci ha provato anche Raspadori, ma anche questa volta Strakosha ha risposto di no. Prima ammonizione di questa gara è di Marusic per un brutto fallo su Berardi. A fine primo tempo è ancora il Sassuolo che ha provato la via della rete, ma ancora la palla non ha centrato i pali di Strakosha. L’azione è stata sviluppata dall’asse Toljan e Raspadori. La prima parte della partita ha visto una Lazio più cinica e meno distratta. Ottima è stata la prestazione di Strakosha che sta tornando il portiere che i tifosi della Lazio hanno ammirato due anni fa. Il Sassuolo ha sprecato diverse occasioni sotto porta e il palo che ha centrato Berardi ne è la dimostrazione esemplare. C’è da dire che Sarri ha optato per diversi cambi negli interpreti e Akpa Akpro è sembrato fuori dal contesto del centrocampo. Bene invece Pedro e Zaccagni, mentre è Immobile è apparso spento.

Foto ufficiale Twitter SS Lazio

La ripresa è iniziata con un cambio: è uscito Pedro per far posto a Felipe Anderson. Lo spagnolo è apparso leggermente claudicante e per questo motivo è entrato il brasiliano. Al 63’ il Sassuolo è andato sul pari grazie al solito Berardi. L’attaccante ha realizzato una prova perfetta in questa partita e per lui è al nono gol contro i biancocelesti. Una vera e propria bestia nera per i laziali. Ma la partita di Domenico Berardi è resta eccellente al 68’: l’attaccante ha tenuto palla perfettamente, ha toccato verso Raspadori e il tiro si è infilato dentro la rete. Berardi da solo ha ribaltato la partita mettendola sul 2-1 per i neroverdi. E questa volta Strakosha è apparso un po’ troppo leggera sulla parata. Girandola di sostituzioni: escono Cataldi, Hysaj Akpa Akpro al loro posto sono entrati Leiva e Muriqi e A. Anderson mentre per il Sassuolo Traore, Ferrari, Berardi e Scamacca per Henrique e Ayhan, Boga e Defrel. Occasione molto importante per la Lazio che ha provato con Acerbi a realizzare la rete del 2-2. Il neo difensore del Sassuolo però ha giocato veramente poco: infatti dopo pochi minuti è stato espulso per una chiara occasione da gol. A fine gara, incrocio dei pali della Lazio con Basic. Il centrocampista biancoceleste è stato veramente sfortunato. Nel frattempo è uscito Raspadori, al suo posto è entrato Muldur per riequilibrare la linea difensiva. Finisce così! 2-1 per il Sassuolo che ha dato prova di una grande risposta per tutto il secondo tempo. Lazio poco incisiva come nel primo tempo, ma l’occasione più ghiotta è stata la traversa di Basic.