• Tempo di lettura:2Minuti

La 18ª giornata di Serie A, penultima prima della sosta natalizia, si apre con un big match: l’anticipo delle 15 tra Atalanta e Roma.
Sfida molto importante e dal sapore europeo per i due tecnici. 
Da un lato Mourinho che cercherà di capire la condizione dei suoi e sondare il terreno per un possibile approdo in zona Champions. 
La Roma è attualmente sesta con Juve e Lazio(con una partita in più) e punta al 5º posto. L’Atalanta si trova terza in piena zona Champions e a -6 dall’Inter capolista e da quel sogno scudetto, mai dichiarato ma che sotto sotto c’è. 
Ma vediamo nel dettaglio le scelte dei due allenatori.

LE SCELTE DI GASPERINI

Non sono previsti molti cambi negli undici di Gasperini che continua a puntare sui suoi titolarissimi. 
In porta ci sarà quindi Musso, davanti a lui la consolidata difesa a tre formata da Toloi, Palomino e Djimsiti. 
Sugli esterni ancora favorito Zappacosta assieme a Maehle, mentre De Roon e Freuler saranno il cuore del centrocampo. Per l’attacco si affiderà ancora una volta a Duvan Zapata, in campo dal 1′, e supportato dalla fantasia e dal talento di Malinovskyi e Pessina.
Gosens ancora indisponibile.

(3-4-2-1): Musso; Toloi, Palomino, Djimsiti; Zappacosta, De Roon, Freuler, Maehle; Malinovskyi, Pessina; Zapata

GLI UNDICI DI MOURINHO

Stesso discorso anche per la Roma che resterà inalterata rispetto alle ultime partite, con l’eccezione dell’importante ritorno di Smalling in difesa accanto a Ibanez e Mancini, a difesa dei pali con Rui Patricio. Veretout, Cristante e Mkhitaryan saranno il fulcro del centrocampo, aiutati come sempre da Karsdorp e Vina, le uniche due alternative per l’esterno. 
In avanti invece il tecnico giallorosso punta tutto sulla coppia offensiva composta da Zaniolo e Abraham, alla ricerca del primo gol contro una big.

(3-5-2): Rui Patricio; Mancini, Smalling, Ibanez; Karsdorp, Veretout, Cristante, Mkhitaryan, Vina; Zaniolo, Abraham

La partita sarà trasmessa in esclusiva su Dazn. 

Arbitro: Irrati, assistenti Alassio e Zingarelli, Colombo quarto uomo, Nasca e Tolfo al Var.