• Tempo di lettura:2Minuti

Rilanciarsi è l’imperativo categorico che deve imperare nella testa di Josip Ilicic. Da almeno due anni a questa parte lo sloveno si è completamente perso, tra una pandemia che lo ha dilaniato fisicamente e una depressione che lo ha fatto finire in un vortice senza via d’uscita. Gasperini diceva che “la testa è una giungla” e di fatto quella dell’ex Palermo si è trasformata in una foresta buia. Non è un caso che senza il miglior Ilicic la Dea sia arrivata ottava, fuori da tutte le competizioni europee. A 34 anni in molti lo danno per finito ma la sensazione è che lavorando sull’emotività del ragazzo, quella qualità eccelsa sul mancino possa essere ritrovata.

Chi può aiutarlo è Sinisa Mihajlovic, il quale ha fatto il suo nome alla società come rinforzo per la prossima stagione. L’esperienza a Bergamo tra rose e fiori è giunta al termine ma Ilicic non vuole finire così la propria carriera. Come riporta La Gazzetta dello Sport, il classe ’88 è alla ricerca di nuovi stimoli che potrebbero essere ritrovati in una piazza calda come quella emiliana e in una squadra che da tempo manca quel salto di qualità per arrivare in zona Europa. In coppia con Arnautovic, Josip potrebbe rivelarsi un rifinitore d’eccellenza in grado di garantire sia tanti assist ma anche diverse reti. Quelle che sono mancate negli ultimi anni all’Atalanta: solo 9 nelle ultime due stagioni.

Ad agevolare il trasferimento può essere Giovanni Sartori, ex DS dell’Atalanta appena sbarcato alla corte del Bologna. Mihajlovic gradirebbe uno della qualità di Ilicic in attacco, per questo un piccolo accenno di trattativa è già stato avviato. Il prezzo è alla portata: circa 1 milione di euro chiede la Dea.

Seguici anche su Per Sempre News