Sorteggi Champions: destini contrapposti per le italiane

Analizziamo il sorteggio Champions per le italiane. Diamo le percentuali dei passaggi turno di Juve, Napoli e Atalanta

L’urna di Champions è stata negativa per le italiane ma, visto lo scenario particolare in cui avranno luogo le sfide, non si può partire battuti.

La suggestione è fortissima: vedere uno Juve-Napoli in semifinale di Champions, ipotesi assolutamente difficilissima. Tecnicamente è possibile. Praticamente ci sono pochissime possibilità che si arrivi a questo. Perché il Napoli per arrivare ai quarti deve vincere, o pareggiare con almeno due gol di scarto al Camp Nou. E già qui si potrebbe gridare al miracolo. Poi ai quarti troverebbe il Bayern. Bayern che non è ancora qualificato ai quarti, ma dopo aver vinto a Stamford Bridge 3-0 col Chelsea ha due piedi, 10 dita e… 9 unghie al turno successivo.

E poi forse la Juve. Perché anche per i bianconeri la strada è terribilmente difficile. Deve battere con 2 gol di scarto il Lione, e ci può stare. Ma ai quarti avrebbe probabilmente il City che all’andata ha vinto 2-1 a Madrid contro il Real. Insomma, una semifinale tutta italiana è possibile, in pratica è improba.

L’Atalanta ha invece preso il PSG, squadra sulla carta superiore, ma che in cinque mesi avrà giocato solo due partite. Parliamo delle finali delle coppe nazionali, che avranno luogo a breve. Se gli uomini di Gasperini punteranno a vincere lo scudetto, con un dispendio di energie non indifferente, potrebbero arrivare più stanchi alla Champions. In caso contrario, arriverebbero in condizioni psico-fisiche ideali.

Il tabellone vede gli uomini di Gasperini nel lato con Atletico e Leipzig. La squadra del Cholo Simeone è favorita contro un’avversaria priva di Werner (accordatosi con il Chelsea, il tedesco non prenderà parte alla final 8 di Champions). Non ci piace correre troppo, ma un’Atalanta in finale non è una chimera.

Discorso obiettivamente diverso per l’altra parte del tabellone. Il Bayern, che si sarà potuto preparare al meglio in un mese di sosta, è una corazzata come rosa e come gioco.

Le percentuali

Diamo un 70% alla Juve di passare il turno contro il Lione. I bianconeri devono provare a chiudere il campionato con un paio di giornate di anticipo, in modo da poter fare turnover e prepararsi al match contro il Lione. I francesi avranno una sola partita nelle gambe (la finale di Coppa di Lega francese contro il PSG) e sono tutt’altro che irresistibili.

Contro il City sarebbe 55%-45% per gli uomini di Guardiola, da tempo senza obiettivi in campionato. Contro il Real (che ha poche possibilità di passare il turno) sarebbe invece 50%-50%.

Paolo Condò ha affermato che il Napoli ha un 35% di passare il turno contro il Barcellona. Percentuale verosimile, alla luce dei problemi attuali dei Blaugrana, delle assenze di Vidal e Busquets e, soprattutto, del fatto che si giocherà al Camp Nou si giocherà a porte chiuse.

In caso di passaggio del turno, la squadra di Gattuso potrà avere un 20% di passare il turno contro la corazzata Bayern. La sfida secca, in condizioni particolari, potrebbe dare qualche chance in più al Napoli, ma i panzer tedeschi sono devastanti.

L’Atalanta è inferiore al PSG, ma i francesi avranno poche partite nelle gambe, mentre gli Orobici vanno a mille. In più, Tuchel non potrà contare su Cavani e Thiago Silva, che non hanno rinnovato i rispettivi contratti oltre il 30 giugno 2020. La squadra di Gasperini potrà avere la meglio a livello fisico e Atletico e i parigini non sono irresistibili dietro, ma l’attacco formidabile può mettere in crisi una difesa poco affidabile. Allo stato attuale siamo sul 50%-50%.

Ribadiamo che sarà una Champions League assolutamente strana e particolare. Disputandosi partite secche, con pochi giorni per recuperare e in uno scenario senza pubblico, la possibilità di sorprese aumenta. In questi casi, la forma e l’alea contano ancora di più rispetto a un Mondiale.

 

Potrebbe piacerti anche