Benevento, un sogno targato Inzaghi e Vigorito

Il Benevento è tornato ufficialmente in Serie A! Nel nostro pezzo elogiamo Pippo Inzaghi, il presidente Vigorito e parliamo dei propositi per un futuro roseo in massima serie

A distanza di due anni il Benevento è tornato in massima serie. La squadra di Inzaghi ha dato le piste a tutte le compagini di Serie B, ma un po’ di apprensione c’è stata. Ci riferiamo chiaramente allo stop forzato dovuto alla pandemia di COVID-19. Tuttavia, tolta qualche voce di corridoio rivelatasi fake news, anche in caso di stop definitivo, il Benevento non avrebbe mai rischiato.

Pippo Inzaghi ha preso in carico una squadra con tanti calciatori esperti, molti dei quali di categoria. Questo Benevento non è una squadra giovane, ma è imbottita di calciatori di esperienza, molti dei quali hanno giocato ad alti livelli in Serie B. Chiaramente è il caso di Christian Maggio, ex caposaldo del Napoli, e di Marco Sau, che vanta anche una presenza in nazionale.

Pippo Inzaghi ha lavorato con grande abnegazione, costruendo un gruppo solido e di grande rilievo per la categoria. Il Benevento ha giocato con un 4-4-2 (o 4-2-3-1, che dir si voglia) con grande attenzione alle fasce laterali, un centrocampo e una difesa solidi e sfruttando le abilità tecniche di Roberto Insigne. Gli Stregoni hanno “scherzato” la B, dimostrando di avere ben altra caratura rispetto alle rivali. Pippo Inzaghi è stato ingenerosamente bollato come tecnico mediocre, in quanto al Milan era stato catapultato in una realtà molto complicata, decisamente più grande di lui.

Adesso può godersi la Serie A assieme ai suoi calciatori e a un presidente che ha fatto tanti fatti e pochi proclami. “I tifosi sono sempre sugli spalti anche oggi, anche se non si vedono. Glielo avevamo promesso io e mio fratello, che è sulla maglia qui con me“. Queste le parole di Oreste Vigorito dopo la promozione in Serie A. Nonostante l’assenza di pubblico, la festa ha avuto luogo alla grande. E ha avuto luogo anche la danza delle streghe a coronamento di una stagione senza storia.

 

A seguito dell’1-0 contro la Juve Stabia, in 10 contro 11, il Benevento è andato in Serie A con 7 giornate di anticipo. Il presidente Vigorito, 74 anni da compiere, padre dell’energia eolica in Italia, ha creato un gioiello e ha tutte le intenzioni di dire la sua anche in Serie A. È notizia odierna l’approdo del francese Loïc Rémy, ex attaccante, tra le altre, di Chelsea e Marsiglia.

Montipò, Maggio, Viola, Sau, Kragl, Insigne, Hetemaj, Schiattarella, Caldirola, Letizia, Moncini sono alcune delle basi di esperienza che potrebbero rappresentare lo zoccolo duro in Serie A. Il presidente nativo di Ercolano, che aveva investito anche nel 2017/2018, ha tutte le intenzioni di fare lo stesso anche nel prossimo calciomercato, evitando qualche errore di inesperienza. Pasquale Foggia è un dirigente giovane ma già di livello. I sogni sono Llorente, Gervinho, Zaza e Sturridge tra gli altri. L’obiettivo è quello di rinforzare un gruppo solido con calciatori di categoria ed esperienza. Due anni fa la squadra pagò lo scotto della Serie A. Quest’anno, con una promozione arrivata in netto anticipo e la conferma di Pippo Inzaghi, il Benevento farà di tutto per non essere una vittima sacrificale, ma di recitare una parte da protagonista anche in massima serie.

Per adesso le Streghe si godono la festa, seppur in un clima surreale. Da domani poi si penserà a concretizzare i propositi bellicosi di Oreste Vigorito e Pasquale Foggia per regalare a Pippo Inzaghi una squadra che possa divertirsi anche in Serie A.

Banner 300 x 250 – Spider – Post
Banner 300 X 250 – Lieto – Post
Potrebbe piacerti anche