• Tempo di lettura:2Minuti

Dusan Vlahovic torna protagonista con una tripletta straordinaria allo Spezia che vale tre punti d’oro per la Fiorentina ( a ridosso ora della zona Europa), gli applausi del Franchi e dimostra ancora una volta di essere un giocatore di categoria superiore che sposta gli equilibri.
Numeri pazzeschi per l’attaccante serbo che con i tre gol di ieri sale ad 8 reti in campionato (più la doppietta messa a segno in Coppa Italia al Cosenza) e diventa il primo calciatore della Fiorentina a segnare 25 gol nell’anno solare (Toni si era fermato a 24 nel 2006 e Batistuta a 23 nel 1998) dietro soltanto a due mostri sacri come Lewandowski e Haaland.
A fargli compagnia è Kurt Roland Hamrin, attaccante svedese che è stato a Firenze dal 1958 al 1967 realizzando 27 gol nel 1960 e due in meno, 25, l’anno precedente. Un primato facilmente raggiungibile per Vlahovic avendo a disposizione ancora 8 partite per realizzare tre reti ed assicurarsi il primo posto nelle classifiche del club viola.

Vlahovic fa pace coi tifosi viola ma resta con le valigie in mano.
Il patron Rocco Commisso sarebbe sempre più propenso a cedere il giocatore a gennaio al fine di monetizzare il più possibile. Premier League in pressing sull’attaccante serbo con Tottenham, Arsenal e Manchester City in prima fila e la Juventus pretendente primaria in Serie A. La dirigenza bianconera è in stretto contatto con gli agenti del giocatore Ristic e Ramadani (si lavora ad un ingaggio da 6 milioni netti a stagione) e sono alla ricerca dei fondi necessari ad accontentare le pretese di Commisso (la richiesta per il cartellino è tra i 60 e i 70 milioni).
Non verrà riscattato Alvaro Morata dall’Atletico Madrid, risparmiando così 35 milioni e dovrà necessariamente cedere qualche esubero con Ramsey, Rabiot, McKennie e Kulusevski i maggiori indiziati. Juventus che Vlahovic incrocerà sabato alla Stadium.
Ai bianconeri ha già fatto male due volte nella passata stagione: in gol nel 3-0 viola a Torino a dicembre 2020 ed in gol anche al Franchi nell’1-1 casalingo dell’aprile 2021.
Si preannuncia un ‘caldo’ sabato di novembre…