• Tempo di lettura:2Minuti

Non c’é tempo di recriminare sulla sconfitta rimediata domenica scorsa all’Olimpico contro la Roma che è già tempo di pensare al prossimo match di giovedì contro l’Empoli per il turno infrasettimanale della 15° giornata di Serie A. E le notizie che arrivano dall’infermeria granata sono pessime. Oltre ai lungodegenti Ansaldi, Mandragora, Rodriguez e Verdi ( per i quali occorreranno ancora qualche settimana per rivederli in campo), contro i toscani mancheranno Djidji che ha accusato un problema muscolare, Buongiorno per un trauma contusivo al ginocchio destro, Singo per un trauma contusivo/distorsivo alla caviglia causato da un bruttissimo intervento di Ibanez e il Gallo Belotti uscito dal terreno di gioco dopo aver accusato una fitta alla coscia destra, accompagnato dai sanitari del Torino tra smorfie di dolore e preoccupazioni assortite. Per il Gallo oggi sarà una giornata decisiva per comprendere l’esatta entità dell’infortunio. Quel che è certo è che il capitano granata starà lontano dai campi di gioco per parecchio tempo.

Toro dunque in piena emergenza e scelte di formazione obbligate per Ivan Juric. Davanti a Milinkovic-Savic il terzetto difensivo sarà composto dal giovane Zima, Bremer e Armando Izzo, ormai fuori dal progetto Toro da mesi. Gli esterni di centrocampo considerato le defezioni di Singo e Ansaldi saranno giocoforza Ola Aina e Vojvoda con Lukic e Pobega interni. Sulla trequarti saranno confermati Brekalo e Praet col belga ancora alla ricerca della migliore condizione atletica, mentre al centro dell’attacco tornerà Tonny Sanabria.

Un match assolutamente da vincere quello contro l’Empoli per rilanciarsi in classifica al cospetto tuttavia di una squadra in forma ottimamente allenata da Aurelio Andreazzoli e storicamente ostica per i granata considerato che in Serie A l’Empoli ha vinto sette sfide con il Torino: contro nessun’altra squadra i toscani contano più successi nel massimo campionato ( senza dimenticare il 4-1 subìto dal Toro il 19 maggio 2019).