• Tempo di lettura:2Minuti

Finisce con uno spettacolare 2-2 l’attesissimo match tra Roma e Inter.

Entrambe le squadre hanno provato a vincerla fino all’ultimo regalandoci un finale ad alta tensione con continui ribaltamenti di fronte.

Protagonisti il Var e Rocchi che negano un rigore abbastanza netto nel primo tempo.

Episodio più che mai decisivo dal momento che pochi istanti dopo arriva il vantaggio dell’ex laziale Keita; la circostanza è simile a quella dello scorso anno col Var che ancora una volta non è intervenuto. Viene chiamato in causa tuttavia in maniera corretta nel secondo tempo per un rigore altrettanto netto causato da fallo di mano di Brozovic che sancisce il definitivo 2-2.

Nel mezzo un gran gol di Under e il solito colpo da rapace d’aria di rigore di Mauro Icardi che firma l’ottavo sigillo stagionale.

Buona prova d’orgoglio della Roma che nonostante le numerosissime assenze propone un bel gioco e soprattutto una cattiveria che forse non si vedeva da troppo tempo.

Grande partita di entrambi i terzini con uno straripante Florenzi sia da esterno alto che da terzino ed un buonissimo Kolarov che regge bene sia su Perisic prima che su Politano poi e realizza il gol del pareggio con un rigore potente e preciso.

Menzione speciale per Zaniolo che fa una partita a dir poco straordinaria facendosi trovare sempre bene tra gli spazi mostrando qualità tecniche importanti e mettendo in mostra un’ottima personalità.

Per gli uomini di Spalletti altra buona prova di Joao Mario ( tra i migliori) e D’Ambrosio.

Ancora male Perisic che sembra un lontano parente di quello visto l’anno scorso e soprattutto al mondiale.

Il risultato finale è una partita bella e spettacolare giocata bene da entrambe le squadre con un pareggio che serve poco soprattutto alla Roma che resta molto lontano dai piani alti in classifica ma che quantomeno ritrova un po’ di fiducia soprattutto sul piano del gioco.

Nessun dramma per l’Inter che mostra sicuramente sia cose buone che cose decisamente da rivedere ma ottiene comunque un pareggio all’Olimpico che, anche se con una Roma non in perfette condizioni, non è affatto da buttare.

Per finire. Caressa a Totti: “Dai Francesco, se resti altri 2-3 minuti arriva Spalletti“. Totti: “Ecco… Ciao, buonasera!”

 

Migliore in campo: Florenzi

Peggiore in campo: Perisic

 

Alessio Maria Giannitti