• Tempo di lettura:2Minuti

Il Milan di Pioli ha ottenuto una vittoria di platino contro il Genoa. Un match piuttosto strano, controllato in termini di gioco fino a dopo il gol del 2-1. Poi nel finale ci sono stati rischi assolutamente evitabili.

Fatto sta che i rossoneri hanno ben 66 punti in classifica. 4 vittorie in 7 partite basteranno per la qualificazione in Champions. Una qualificazione che sarebbe dovuta in primis al grandissimo girone d’andata. Nonostante i problemi e il cammino non brillantissimo negli ultimi turni, la squadra di Pioli sta sempre sul pezzo.

In pochi ci avrebbero scommesso ma Tomori si sta rivelando un fattore. La coppia con Kjaer ha funzionato oltre ogni rosea aspettativa. Fermo restando il loro affiatamento trovato a tempo di record, i due centrali sono stati fondamentali nel salvare due volte nella stessa azione dopo l’errore di Donnarumma. L’anglo-nigeriano si sta affermando come una vera certezza.

Pioli ha dichiarato che la squadra ha sentito la pressione di vincere a San Siro. La vittoria, decisamente meritata anche se in bilico fino all’ultimo, può far scollare di dosso questi timori alla squadra. In attacco i rossoneri hanno sprecato troppo. Importante, naturalmente, l’assenza di un punto di riferimento come Ibra. Vista la poca attitudine di Leao a giocare come prima punta, chissà che in questi ultimi match non possa rivelarsi importante anche Mario Mandzukic.

Il calendario dei prossimi match non è facilissimo, ma c’è un dato da tenere in considerazione: nessuna squadra che aveva 66 punti dopo 31 giornate di Serie A è finita sotto il quarto posto. Altra certezza statistica inoppugnabile…