• Tempo di lettura:2Minuti

Delicata sfida per il Cagliari che affronterà il Milan capolista della Serie A. La squadra sarda dovrà realizzare una partita perfetta se vorrà portare a casa un risultato utile. Il Cagliari ha solo 3 punti di vantaggio sul Venezia (che ha una partita in meno), mentre ha un punto di svantaggio sulla Sampdoria. Con una vittoria sul Milan e una sconfitta della Sampdoria nella delicata sfida contro il Venezia, porterebbe gli uomini di Mazzarri più al sicuro. In conferenza stampa, l’allenatore del Cagliari ha parlato della delicata sfida contro il Milan: “le ultime due partite non devono farci perdere fiducia e certezze. Abbiamo lavorato bene in settimana, è una partita nuova e dovremo riprendere il filo intrapreso fino alla gara di Torino. Sappiamo che devono andarti bene anche gli episodi. L’importante è creare occasioni e limare ciò che non ha funzionato contro Lazio e Spezia. Siamo mancati in aggressività e interpretazione delle due fasi, aspetti che non sono legati al sistema di gioco. Siamo stati capaci di giocare con il 3-5-2, il 3-5-1-1, il 3-4-2-1, ecco perché non è la posizione più o meno avanzata di questo o quel calciatore che modifica la prestazione. Baselli e Marin insieme? Si parla di equilibri, in questo momento è complicato schierare dall’inizio due centrocampisti tecnici più due punte, come sempre tutto dipende da quanto riusciamo a essere compatti in fase di non possesso, oggi facciamo fatica a rinunciare ad un incontrista”.

mazzarri spezia
Foto Twitter ufficiale Fantacalcio

Buone notizie dall’infermeria: in gruppo è rientrato Rog e per Mazzarri sarà una pedina fondamentale per il finale di stagione: “Rog è una bella sorpresa, quando un ragazzo ha un infortunio così serio non è scontato che torni in campo in tempi celeri. Sta allenandosi forte, fa già dei contrasti, potrà essere sicuramente una risorsa preziosa prima della fine del campionato, ma è ovvio che occorra aspettarlo perché nel calcio di oggi non puoi permetterti di non essere al top. Intanto averlo di nuovo con noi, anche se parzialmente in gruppo, ci rende felici dal punto di vista umano e tecnico-tattico”.