Milinkovic Savic voto 6: il fratello di quello più famoso rientra tra i pali dopo un infortunio che ne ha minato il posto da titolare. Affidare la porta a lui sembra francamente un azzardo. Dalla sua parte non arrivano mai palloni pericolosi. Da un ragazzone di 2 metri ci si aspetta però quanto meno che comandi nelle uscite su palla alta, ma evidentemente le sue sicurezze sono state minate da troppe incertezze nel passato. Domenica lo aspetta una sfida impegnativa e si capirà meglio le gerarchie nella porta granata

DjiDji voto 5: più che un difensore sembra calimero. Schierato a sorpresa da Juric dal primo minuto non da mai sicurezza e sembra sempre impacciato. Affidare a lui le chiavi della difesa sembra più una roulette russa che altro. Vagnati ha provato in tutti i modi a piazzarlo, ma neanche in serie B pare trovare gradimento. Si prega per i miracoli.

Bongiorno voto 6: Questo giovanotto cresciuto nelle giovanili ha un gran futuro davanti a se, cerchiamo di non rovinarlo in maniera sciagurata. Prova attenta la sua, i piedi buoni ci sono e la visione anche. Necessita però di un punto di riferimento in difesa perché ancora leggermente acerbo ma il ragazzo c’è.

Rodriguez voto 5,5: Come sempre senza infamia e senza lode, nuovamente schierato come terzo di difesa svolge il suo compito senza mai acuti e spunti ma anche senza sbavature. Da un Nazionale svizzero ci si aspetta però sempre quel qualcosa in più che non arriva mai.

Singo voto 5,5: La stellina granata appare fuori condizione lui che è rientrato da poco dalle vacanze dopo l’avventura alle olimpiadi con la sua Nazionale. Stavolta non spinge come suo solito e viene sostituito nel secondo tempo a corto di energie. Da lui ci si aspetta il definitivo salto di qualità. Vojvoda voto 5: il kosovaro vuole strafare e a parte una buona occasione parata dall’ estremo difensore grigio rosso il resto nulla. Al secondo anno di serie A ci aspettiamo un salto qualitativo dopo una buona seconda parte di campionato con Nicola in panchina.

Mandragora voto 6: chiamatelo “il predicatore nel deserto”. Qualcuno preghi perché non si infortuni mai perché se no oltre alla mediocrità assoluta ci sarebbe il vuoto totale. L’unico centrocampista voluto da Nicola con i piedi buoni e fosforo nel cervello. Dai suoi piedi la sensazione è che possa nascere sempre qualcosa di buono. Da far vedere nelle scuole calcio una sua conclusione al volo di sinistro neutralizzato da un Carneschi clamoroso. Sbaglia il calcio di rigore che poteva chiudere la partita. Dio Salvi Rolando.

Linetty 4,5: No ciccio non ci siamo proprio. Qualcuno ci spieghi come faccia parte della Nazionale Polacca. Le soluzioni sono 2: o quello di Torino è il gemello scarso o la Polonia è messa davvero male. Non incide mai, sembra perfino imbarazzato con il pallone tra i piedi insomma una frana. Servono rinforzi veri per un settore fondamentale nel gioco del pallone. Segre SV.

Aina 6,5: Per assurdo il più pericoloso della formazione granata, rientrato dal prestito al Fulham e fischiato all’inizio dai pochissimi eroi presenti al Grande Torino quanto meno ci prova a rendersi pericoloso. Dalla sua fascia partono le azioni più pericolose e si procura anche il rigore sbagliato da Mandragora, l’unica buona notizia per il tecnico Juric.

Pjaca voto 4: che i mezzi tecnici del croato siano buoni non si discute, a preoccupare la sua integrità fisica. Stasera rimane evanescente tra i peggiori nel nulla granata. Si mangia un gol praticamente fatto a tu per tu con il portiere cremonese stoppando un pallone lentamente e calciando con calma da bradipo. Se questo è il vero Pjaca c’è da preoccuparsi davvero. Verdi SV.

Lukic voto 4,5: Chiamate subito un’ambulanza per un pronto ricovero in TSO per coloro che dicevano che era il nuovo Modric. Un giocatore che ormai dovrebbe essere perfettamente ambientato nella Serie A ma che fa fatica perfino contro una modesta Cremonese.

Si fa perfino fatica a comprendere quale ruolo a centrocampo lui possa svolgere. Trequartista direi proprio di no, incontrista neanche, qualcuno lo spieghi anche a noi. Nel frattempo Vagnati pensi a trovare qualcuno che possa affiancare Mandragora nel deserto granata. Rincon SV: Bocciato da Juric come regista (chissà come mai).

Belotti 4: Che il Gallo si sia rotto delle chiacchiere Cairote è cosa buona e giusta, che il Gallo abbia rispetto per i tifosi che ancora lo sostengono e credono in lui è cosa doverosa. Faccia sapere una volta per tutte la sua vera volontà e nel caso voglia andare via sarebbe più che giustificato. Sono ormai mesi che pare svogliato, basti pensare che l’ultimo gol su azione risale a Febbraio scorso. Tenere un giocatore in queste condizioni è un suicidio totale ma Cairo se davvero vuole tenere Belotti faccia azioni concrete allestendo una squadra vera con acquisti veri e non con gli scarti delle retrocesse o con giocatori buoni per il torneo parrocchiale di calcio a 5. La sensazione è che il giocattolo si sia rotto. Rauti voto 6: di incoraggiamento. Schierato in sostituzione dell’infortunato Belotti (in forse la sua presenza contro l’Atalanta all’esordio) prova quanto meno qualche giocata interessante con inserimenti ficcanti e qualche buona occasione. Da valutare se tenerlo in rosa o cederlo in prestito ancora un anno.

Juric voto 4: Intendiamoci 2 milioni all’anno fanno gola a tutti ma che prezzo ha la dignità? Il voto non è solo per la partita di oggi ma per l’aver avvallato in toto una situazione raccapricciante. Dica chiaramente e pubblicamente la vera situazione e ciò che vuole dal mercato, perché il precampionato e la partita di coppa di stasera sono davvero preoccupanti. Abbia il coraggio di dimettersi se non verranno realizzate le sue richieste con acquisti veri e non con pseudo giocatori presi da scarti di Serie B o ragazzini che neanche il più incapace dei Ds avrebbe preso tranne il nostro. Deve dare un segnale forte al mondo granata altrimenti sarà complice della disfatta granata.

Cairo voto 10: “Frottolo” è riuscito ad intortare anche Juric con un ingaggio monstre per i parametri granata. Una campagna acquisti degna del nulla cairota di questi 16 anni con la ciliegina Warming subito scartato dal tecnico Juric e che sarà difficilmente parcheggiabile anche in serie B. Non vedere la realtà dei fatti vuol dire o essere totalmente incapaci o avere una volontà precisa: scendere in Serie B. Il voto massimo per l’essere riuscito nella difficilissima impresa di far entrare 2000 coraggiosi tifosi allo stadio per assistere ad uno spettacolo indegno di una squadra oscena allestita dal peggior DS della Serie A. La supplichiamo egregio Dott. Cairo venda il Toro e ci liberi da 16 anni di nulla assoluto condito da zero successi e tante delusioni.

Resistenti Granata voto 30 con lode: che dire ragazzi la vostra tenacia è encomiabile, con la contestazione che segue il patron granata come il miglior segugio. Dai cartelloni a Milano ai nani dell’Olimpico Grande Torino per chiudere con ‘”inseguimento” a Forte dei Marmi al seguito di Cairo. Continuate così e non mollate mai.