La Lazio di Simone Inzaghi ha battuto la Sampdoria per 1-0 grazie a un gol di Luis Alberto. La partita non è stata brillante per i biancocelesti, soprattutto nel secondo tempo. Si sono viste buone trame di gioco, ma la Lazio non è riuscita a dare il colpo del ko.

Il secondo tempo, che ha lasciato molte perplessità, è stato di sofferenza finale. La Samp ha avuto una sola occasione netta, con Quagliarella su cross di Augello, merito anche di una Lazio molto ben posizionata dietro. Il problema è che in Champions i centrali biancocelesti non dovranno respingere i tanti cross dei Doriani, ma dovranno fronteggiare le rapidissime triangolazioni dei Bavaresi. Al centro dell’attacco ci sarà Lewandowski.

I biancocelesti avrebbero potuto chiudere il primo tempo con due gol di vantaggio e avrebbero potuto trovare il raddoppio in tante occasioni. Poco cinici gli attaccanti e Immobile che è incappato in una giornata no. Emblematico l’errore in una torsione di testa, con palla lontanissima dallo specchio della porta difesa da Emil Audero. E nel secondo tempo è calato anche chi si era reso protagonista di una partita di livello. Prendiamo l’esempio di Milinkovic-Savic, che nella seconda parte di ripresa ha palesato pochissima lucidità.

La Lazio ha subito pochi pericoli perché la Sampdoria è stata inconsistente davanti. Keita e Quagliarella non sono i classici centravanti fisici, pertanto l’area non è stata occupata in maniera pericolosa. Gli ultimi minuti hanno tuttavia mandato Inzaghi su tutte le furie. Il tecnico piacentino ha ripreso i suoi calciatori in vari periodi del match. Patric ha commesso vari svarioni negli interventi, nei controlli e nel giocare il pallone.

La partita di oggi ha ricordato un po’ quella con il Cagliari. I sardi sono tuttavia stati un po’ più pericolosi. Ranieri torna a casa con zero punti e con la consapevolezza che la stagione della Samp potrà riservare poco e nulla, nel bene o nel male. 15 punti sulla zona salvezza sono un’infinità, così come lo sono 10 dalla zona Europa, dove concorrono squadre ben più attrezzate.

Il Bayern non è nelle migliori condizioni, ma per potersi giocare la qualificazione servirebbe la miglior Lazio. Quella vista oggi, ad esempio, è molto lontana da quella ammirata nel derby.