• Tempo di lettura:2Minuti

Primo giorno da “laziale” per il neo acquisto biancoceleste, Jovane Cabral. Dopo l’arrivo nella Capitale ieri, il capoverdiano ha svolto le visite mediche di rito questa mattina presso la clinica Paideia intorno alle 8.15, in modo da effettuare i test di idoneità sportiva. Le prime parole dell’ex Sporting Lisbona sono state: “Contento di essere qui”. Come maglia indosserà la numero 11, che era ancora senza un padrone dopo l’addio in estate del Tucu Correa. Una volta terminate le visite, il classe ’98 raggiungerà Formello per conoscere squadra e staff. In tarda mattinata è previsto il primo allenamento alla corte di Maurizio Sarri, che cercherà di metterlo subito nelle condizioni migliori per averlo già dalla partita di sabato contro la Fiorentina.

Arrivato come acquisto last-minute, la Lazio ha scelto solo lui per rinforzare il reparto offensivo. Cabral non andrà a ricoprire il ruolo di vice Immobile, lasciato libero definitivamente dalla partenza di Muriqi. Negli anni allo Sporting si era contraddistinto come esterno alto, a destra o a sinistra. Le sue armi migliori sono il dribbling, la rapidità e il tiro. Tutte caratteristiche che piacciono a Maurizio Sarri. Con Pedro che è intoccabile e Zaccagni che sta scalando le gerarchie su Felipe Anderson, Jovane Cabral sosterrà inizialmente una fase di apprendistato, anche se i suoi ingressi a partita in corso potranno essere determinanti. Il capoverdiano arriva con un prestito oneroso di circa 1 milione di euro con diritto di riscatto fissato a 8. Nonostante Sarri si aspettasse un mercato ben diverso e più all’altezza delle sue esigenze, adesso dovrà fare di necessità virtù con gli ingredienti a disposizione. Di sicuro la qualificazione alla prossima Champions League rimane un miraggio.

Seguici anche su News – Per Sempre News