• Tempo di lettura:2Minuti

Il sabato sera di Serie A accende le luci sullo Stadio Olimpico dove si incrociano Lazio e Torino: due obiettivi diversi per la fine di stagione. Sarri vuole scacciare la maledizione e trovare la terza vittoria consecutiva mentre Juric ha l’ossessione di arrivare ai 50 punti in classifica. I biancocelesti devono assolutamente fare punti visto anche il risultato della Fiorentina che ha visto i Viola salire di un punto in più. L’imperativo granata è quello di continuare a fare bene e perché no, anche vincere.

L’analisi del match

Sin dai primi minuti della partita si è capito che la Lazio non sarebbe scesa in campo al 100%: il Torino ha sempre avuto più fame, con la voglia di mettere la palla in rete. L’occasione ce l’ha con Bremer e la sfera si stampa sul palo mentre la difesa biancoceleste rimane a guardare la squadra ospite. Allo scadere dei 45 minuti, la partita è molto equilibrata ma le occasioni migliori ce le ha avute il Torino.

Tornati in campo, la musica non cambia e la squadra di Juric riesce a trovare il vantaggio con Pellegri, subentrato a Belotti. Il numero 64, completamente lasciato solo dalla difesa della Lazio, colpisce di testa dal centro dell’area. La partita è controllata totalmente dai granata che fanno possesso palla e ripartono lentamente da dietro. Ma i biancocelesti riescono a reagire solo grazie a subentrati: Cataldi, Basic e Luka Romero riescono a dare quel guizzo in più per andare avanti. Ma la risolve (a metà) sempre lui: Ciro Immobile segna di testa alla prima vera palla gol che gli capita, su cross di Milinkovic verso il secondo palo, irrompendo di testa, non seguito da Bremer.

La classifica e i prossimi impegni

Un pareggio che non sa di nulla, con la Lazio che non riesce a sfondare mai il muro del Torino e che sembra anche stanca di giocare. Con questo 1-1, i biancocelesti si agganciano alla Fiorentina a quota 56 mentre i granata salgono a 40 punti. I prossimi impegni sono il Milan per la squadra di Sarri mentre il Torino sarà ospite dello Spezia.