• Tempo di lettura:2Minuti

La Lazio ha battuto il Crotone con uno dei soliti gol nel finale di Felipe Caicedo. Con tutti i suoi limiti, la squadra di Cosmi è stata viva e volitiva, creando difficoltà ai ragazzi di Inzaghi.

Sul 2-2 i biancocelesti hanno anche rischiato lo svantaggio. Sulla straordinaria azione di Ounas, Rispoli si è trovato a tu per tu con Reina, ma è stato chiuso dal portiere spagnolo. Poi è arrivato il gol di Caicedo. Il controllo su tiro sbagliato di Escalante è stato notevole. L’ecuadoriano ha fatto sembrare semplice una giocata non scontata.

Per quanto visto in campo il risultato è giusto, ma la Lazio ha fatto troppa fatica ad avere la meglio sul fanalino di coda del campionato. I pitagorici hanno disputato una buona gara, compatibilmente con le loro difficoltà, sfruttando due delle occasioni a disposizione.

Al contrario, la Lazio è sembrata poco ispirata, nervosa e imprecisa nell’ultimo passaggio. I gol sono arrivati su errori degli avversari, che hanno lasciato troppo campo. Il terzo, seppur fortuito, è tuttavia merito di Caicedo che si è fatto trovare al posto giusto nel momento giusto. Perfetta la sostituzione di Immobile, decisamente deludente.

Simy intanto ha superato Obafemi Martins, diventando il calciatore nigeriano con più gol in una stagione di Serie A. Le possibilità di salvezza dei calabresi sono bassissime, ma ci sono elementi che meritano squadre di livello superiore. Ci riferiamo allo stesso Simy, a Ounas, a Messias e a Reca, in particolare.

Tornando alla Lazio, la prestazione è assolutamente insufficiente per poter prevedere una buona figura a Monaco di Baviera. Nel match contro il Bayern, vista l’abnegazione mostrata e considerando le partite decise, Simone Inzaghi non può non prendere in considerazione Felipe Caicedo per la formazione iniziale. La qualificazione è compromessa, ma con il giusto piglio i biancocelesti possono uscire a testa alta.