• Tempo di lettura:4Minuti

Il futuro di Arthur Melo alla Juventus è ancora tutto da scrivere. Il centrocampista brasiliano è poco considerato da Massimiliano Allegri visto che, infortuni a parte, ha giocato pochissimo fino adesso. Solamente quattro le presenze in Serie A, tra cui solo una da titolare e il resto esclusivamente spezzoni. La mancata convocazione per la partita contro il Venezia di sabato scorso a causa di un ritardo all’allenamento di rifinitura, inoltre, sembra aver spalancato ancor di più le porte per un addio. Arrivato lo scorso 29 giugno per la modica cifra di 72 milioni di euro nell’ambito di uno scambio – più per questioni di bilancio che tecniche – con Miralem Pjanic al Barcellona, Arthur non ha saputo rimpiazzare al meglio il bosniaco, patendo una condizione fisica deleteria e le innumerevoli posizioni a centrocampo a cui è stato chiamato in causa.

Prima mezz’ala, poi regista, infine mediano, l’ex Gremio non si è rivelato quel prototipo di centrocampista in grado di alzare la qualità ad un reparto troppo debole per essere “da juve”.

Allegri sembra farci pochissimo affidamento al classe 1996, visto che rimane ancora un rebus tattico. Non è un regista per dettare i ritmi davanti alla difesa e non è un incursore con gol nelle gambe. Insomma, alla domanda “Che cosa è Arthur?” diventa difficile rispondere. Nei due anni di Barcellona si era evidenziato come una mezz’ala di qualità, in grado di verticalizzare ove si poteva e di dare fantasia nell’ultimo passaggio. Sicuramente, il fatto di aver cambiato due allenatori in due anni consecutivi, tra l’altro con idee di calcio totalmente differenti, non deve averlo aiutato più di tanto nella sua esperienza torinese. Il passaggio al 4-2-3-1, inoltre, sembra aver sentenziato definitivamente che lo spazio per il brasiliano non c’è nelle idee di Allegri. E dunque la cessione pare scontata, che sia in prestito o a titolo definitivo.

LE PAROLE DELL’AGENTE

Il suo nuovo agente, Federico Pastorello, ha di fatto aperto ad un nuovo futuro per il suo assistito, desideroso di rimettersi in grande forma in vista del Mondiale che verrà il prossimo anno. “Arthur era stato scelto da un altro allenatore e con Allegri trova poco spazio, vuole giocare la Coppa del Mondo e potrebbe cambiare”. Parole che fanno capire come l’intenzione sia quella di andare a giocare in un club che garantisca al giocatore un minutaggio molto più elevato, visto che anche Tite (CT Brasile) ha ribadito tutta la sua stima nei suoi confronti. I bianconeri, per via dell’elevato cartellino pagato nel 2020, non vorrebbero fare troppa minusvalenza; per questo motivo potrebbero cederlo, anche a gennaio, ma in prestito secco.

POSSIBILE SCAMBIO CON LUIS ALBERTO?  

Stamattina è girata voce di un possibile scambio sull’asse Juventus-Lazio tra Arthur e Luis Alberto. I classici “separati in casa” che non stanno trovando fortuna e potrebbero ritrovare redenzione in ambienti diversi. Guardando il lato tecnico, il brasiliano sarebbe un innesto di grande importanza per Maurizio Sarri, tecnico che ha sempre privilegiato i giocatori brevilinei e con grande qualità palla al piede. Per la Vecchia Signora, invece, ci sarebbero molti più punti interrogativi sull’integrità tattica di Luis Alberto nello scacchiere di Allegri. Con Simone Inzaghi lo spagnolo ha saputo rivelarsi una grandissima mezz’ala grazie alla libertà di movimento e senza sottostare troppo ai meccanismi oliati che vorrebbe Sarri nel suo centrocampo.

Ma nel 4-2-3-1 della Juve, dove giocherebbe l’ex Siviglia? Difficilmente nei due davanti alla difesa, in cui c’è la qualità di Locatelli applicata al dinamismo di uno tra Rabiot e McKennie. E difficilmente dietro la punta, visto che quella è la posizione preferita di Paulo Dybala, che ama spaziare tra le linee per poi rifinire. D’altronde, lo ricordiamo; la Joya, tra i tanti problemi avute in queste annate juventine, in quella posizione da “seconda punta” ha fatto la sua miglior stagione realizzativa nel 17/18 (26 gol). La Juve valuta Arthur 60 milioni, mentre la Lazio valuta 40 milioni Luis Alberto. Un divario che i bianconeri vorrebbero colmare, anche se i biancocelesti chiedono uno scambio alla pari. Sarà il tempo a dirci che fine faranno i due calciatori.

Seguici anche su www.persemprenews.it