C’era tutta la nuova dirigenza al completo nella conferenza stampa di presentazione dei nuovi quadri dirigenziali che faranno il futuro della Juventus a partire dal presidente Agnelli fino ad arrivare a Nedved ed Arrivabene. Gli occhi per le strategie di mercato erano puntati tuttavia su Cherubini, le cui dichiarazioni hanno destato più di qualche preoccupazione tra i tifosi bianconeri.

Il vero top-player, da quanto emerso, dovrà essere Max Allegri: la sua esperienza e sagacia tattica dovrà valorizzare una rosa ritenuta “già forte e completa”. Se il passaggio nodale della conferenza doveva essere la permanenza o meno di Cristiano Ronaldo in bianconero, l’erede di Paratici ha spostato l’attenzione sull’intero mercato chiudendo la questione CR7 con un laconico “Non c’è stato nessun segnale da parte sua e tantomeno da parte nostra. Si tratta di un giocatore che ha giocato 44 partite segnando 36 gol in questa stagione, i numeri parlano. È parte centrale del nostro progetto”

Una risposta che può voler dire niente, interpretando il mancato segnale come un normale proseguimento del rapporto definito dal contratto. Se si interpreta però il mancato segnale come una mancata decisione, ecco che il discorso prende una piega molto diversa, poiché il portoghese è chiamato a definire il suo futuro per definire anche le eventuali strategie e contromisure che la Juventus dovrà mettere in atto.

Le voci di una richiesta di passaggio al PSG da parte del fenomeno portoghese non sono infondate ma anche i parigini tentennano di fronte all’ingaggio di CR7: la situazione potrebbe essere sbloccata da un eventuale addio di Mbappé direzione Madrid e con Icardi come apprezzata pedina di scambio per coprire la falla realizzativa che provocherebbe la sua dipartita.

Cherubini ha nicchiato però sull’intero mercato bianconero, facendo storcere la bocca a molti tifosi: “La rosa che abbiamo è oltremodo valida, potremmo anche non fare mercato e valorizzare i giocatori di ritorno. Seguiremo un percorso di crescita del materiale umano che abbiamo già in rosa in accordo con il nostro allenatore”

Niente mercato quindi? E Locatelli? Alla luce delle parole del diesse del Sassuolo Carnevali, l’Arsenal sembrerebbe aver fatto un’offerta importante per il centrocampista dell’Italia, un monito lanciato alla Juve da parte del dirigente neroverde atto a far muovere proprio Cherubin, meta preferita di Locatelli anche alla luce del ritorno di Allegri che lo ha allenato giovanissimo ai tempi del Milan.

La possibilità di non fare mercato, alla luce del deficit di bilancio denunciato da Agnelli, non è un’ipotesi così peregrina, sul modello del Real Madrid che lo scorso anno ha fatto la stessa cosa. Del resto, con l’indebolimento delle dirette avversarie come il Milan, che ha perso Donnarumma e Calhanoglu, l’Inter che ha salutato Hakimi, Cherubini sa che la Juventus potrebbe scalare le gerarchie tenendo il parco giocatori già in rosa, senza cedere nessuno.

Ultima cosa: la ricapitalizzazione prevista di 400 milioni arriverà appositamente dopo la fine del mercato, per far fronte ai debiti già maturati e mantenere i costi di gestione di un’altra stagione che potrebbe ancora subire gli strascichi della pandemia.

Seguici su www.persemprenews.it!